menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'assessore Verna contro la Lega: "Nessuna cattiva gestione, fondi sfumati per un errore tecnico-burocratico"

Il vice sindaco accusa il coordinatore cittadino Memmo: "Sparata superficiale e irresponsabile, vaneggia di finanziamenti persi senza sapere di cosa stia parlando"

"Superficiale e irresponsabile è la sparata della Lega, che vaneggia di finanziamenti persi senza sapere di cosa stia parlando". Così, il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici del Comune di Lanciano, Giacinto Verna, replica alle accuse del coordinatore cittadino del partito di Salvini, Fausto Memmo.

"Ciò che emerge oggi chiaramente - è la controaccusa di Verna - è che il centrodestra che si candida ad amministrare la città non sa distinguere tra questioni politiche e questioni tecniche. Nello specifico - chiarisce - il finanziamento di 780mila di cui parla Memmo, è riferito alla realizzazione del nuovo cavalcavia ferroviario di Torre Marino, cosa che Memmo tra l'altro ignorava".

"Dalle sue considerazioni caotiche superficiali, seppur apocalittiche - incalza - sembra che ci sia stato chissà quale pasticcio o addirittura una di cattiva gestione di fondi. In realtà la richiesta di finanziamento non è stata inserita nella graduatoria ministeriale per un errore tecnico-burocratico del settore nello sviluppo della pratica. Settore che, va ricordato, quando a settembre è stata liquidata la pratica, era già oberato dal lavoro per la riapertura delle scuole post Covid, con un personale sottostimato rispetto alle esigenze ordinarie. Va detto inoltre, che non era scontato che quei fondi sarebbero arrivati, e anche questo Memmo ignora".

Verna rivendica poi le azioni dell'assessorato di cui è alla guida che, chiarisce, "ha rispettato pienamente la programmazione annunciata, e prospettata in occasione di un'interrogazione presentata dalla minoranza negli anni scorsi sul ponte di Torre Marino. All'epoca è stata fatta per la prima volta una relazione tecnica sulla stabilità del ponte, in seguito alla quale è stato deciso il senso unico alternato (e tutto ciò grazie anche al buon lavoro del nostro personale). Si è quindi andati avanti con la progettazione esecutiva, con la quale sono stati chiesti quei 780mila euro fondi, e che verranno nuovamente richiesti entro settembre, in quanto la legge di riferimento è stata rifinanziata".

"La programmazione quindi prosegue, così come l'azione politica dell'assessorato - conclude il vice sindaco - a dispetto delle illazioni fumose della Lega che gioca a ipotizzare chissà quali intrighi, mentre l'unica cosa intricata è la propria capacità di capire come si gestisce un'amministrazione pubblica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento