menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Federico Fiorenza

Federico Fiorenza

"Fiorenza cacciato da Abruzzo circuito spettacolo, al suo posto un sindaco Pd"

Dubbi sul nuovo incarico, affidato al sindaco di Tollo Angelo Radica, centrosinistra, sono stati sollevati dal consigliere di maggioranza teatino Marco D'Ingiullo

Dietro al cambio al vertice di Acs, Abruzzo Circuito Spettacolo ci sarebbe una manovra politica. E' quanto lascia intendere il capogruppo di Forza Italia Marco D’Ingiullo.

Al presidente Federico Fiorenza, uomo di spettacolo, ex direttore del teatro Stabile abruzzese, direttore artistico delle ultime stagioni di prosa al teatro Marrucino è subentrato il sindaco di Tollo Angelo Radica, che ha spiegato di voler mettere in piedi una compagine aziendale per far funzionare le cose al meglio.

Se Fiorenza, sentitosi 'tradito' dal suo cda, ha usato termini come 'agguato' in riferimento alla vicenda che da un giorno all'altro lo ha visto spodestato dalla direzione di Acs, il consigliere teatino D'Ingiullo ci va giù pesante e, nel prendere le sue difese, ne fa una questione politica.

"L’ACS Abruzzo circuito spettacolo (associazione privata che si occupa di distribuzione spettacoli in regione) cambia presidente - dice - mettendo alla porta Federico Fiorenza e nominando al suo posto Angelo Radica, sSindaco di Tollo, uomo del Pd. Federico Fiorenza, la cui capacità professionale nei confronti della cultura e del teatro è conosciuta e certificata, non solo in Abruzzo ma anche fuori regione, viene di punto in bianco messo in disparte, favorendo l’ingresso di Angelo Radica, uomo di partito, uomo Ds, Pds, Pd, un sindaco che diventa presidente di un’associazione privata, magari anche dietro compenso, che avrà il compito di operare con gli Enti Pubblici.

A noi di Forza Italia - evidenzia D'Ingiullo -  l’operazione appare quantomeno inopportuna e maldestra. Sarà legittima, ma pur sempre infelice e dannosa. A parti invertite, se Pierluigi Biondi, Sindaco dell’Aquila fosse stato nominato Presidente del Teatro del Sangro sarebbe successo il finimondo. Ma questa è la Regione Abruzzo e la cultura ai tempi del Partito Democratico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento