Politica

Febo dà il via alla campagna elettorale, tendendo la mano alla sinistra

Con la coalizione che lo appoggia, il candidato sindaco del centrosinistra anticipa alcuni temi della campagna elettorale: la partecipazione dei cittadini alla stesura del programma e i tavoli permanenti per verificarne l'attuazione

Superato il primo scoglio con 1.860 consensi, contro i 1.448 dello sfidante Marco Marino per cui ha parole di apertura, Luigi Febo certifica con una conferenza stampa l’inizio della campagna elettorale per la coalizione di centro-sinistra. Lo ha fatto questa mattina (martedì 16 dicembre), al gran caffè Vittoria, circondato dai sostenitori e dai rappresentanti di una coalizione composta, oltre che dal Pd, da Popolo di Chieti, Democrazia Solidale, Chieti Domani, Chieti per Chieti, Italia dei Valori e Centro democratico.

“Partiamo da qui – dice Febo – con il dovere di allargare la coalizione anche alle forze di sinistra. Non per un contributo numerico, ma per un contributo di idee al programma. Ci interessa raggiungere tutti i cittadini e tutte le idee”.

La risposta de L’Altra Chieti, coalizione che raccoglie Sel e Rifondazione, e che si presenterà il 22 dicembre in un’assemblea pubblica, non ha tardato ad arrivare: “Noi siamo sempre stati aperti al confronto ma, fino ad ora, il Pd ha voluto allearsi con settori di centrodestra e non con noi. Attendiamo che il candidato sindaco del Pd dica con chi intende amministrare la città e per raggiungere quali obiettivi. Nel frattempo noi continueremo nel nostro percorso di costruzione di una coalizione di sinistra, ambientalista e onesta”.

In attesa di un eventuale punto di contatto, Febo e i suoi iniziano la campagna elettorale che mira a “Chieti 2020”: “I nostri programmi – spiega il candidato sindaco – si muovono su due binari, a lungo termine per un cambiamento vero, e a soluzioni immediate. Ci occuperemo di giovani, anziani, disoccupati, emergenza case, con un’assistenza immediata per il rapido scorrimento delle graduatorie e tramite contributi per gli affitti”.

Punto fondamentale del programma è la creazione di tavoli permanenti su welfare, economia, cultura e benessere che ogni anno facciano controlli sull’attuazione del programma. Per il momento, la coalizione si apre alla raccolta di idee, annunciando tour dei quartieri e incontri con le associazioni di categoria per raccogliere idee e partecipanti alla stesura del programma, che verrà stilato entro febbraio 2015. “Dobbiamo ridare una speranza a questa città”, assicura Febo.

Una visione condivisa dai suoi, in primis dal segretario cittadino del Pd, Filippo Di Giovanni, che commenta entusiasticamente l’affluenza alle primarie di domenica scorsa, a cui hanno partecipato 3.385 persone. “Ma Febo – dice – deve essere il candidato di chi, pur non avendo votato alle primarie, non si identifica con il governo di centro destra”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Febo dà il via alla campagna elettorale, tendendo la mano alla sinistra

ChietiToday è in caricamento