menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Febo: "Il Dea di II livello non penalizza Chieti"

Il centrosinistra in conferenza stampa: nella nuova programmazione ospedaliera il policlinico di Chieti vedrà aumentare i suoi posti letto, l’attivazione del Polo Cardiochirurgico e la conferma di discipline ad alta complessità

La sanità teatina non ha nulla da temere per il futuro. E’ quanto pensano i consiglieri del Pd e di Chieti per Chieti riuniti questa mattina in conferenza stampa: nella nuova programmazione ospedaliera, il policlinico di Chieti vedrà aumentare i suoi posti letto da 386 a 498 e, oltre all’attivazione del Polo Cardiochirurgico con annessa Rianimazione altamente specialistica, la conferma di discipline ad alta complessità come la Terapia Intensiva Neonatale, la Chirurgia Vascolare, la Chirurgia Maxillofacciale, la Broncoscopia Interventistica e la Chirurgia Toracica.

“Bene ha fatto l’assessore Paolucci ad avviare, con atto deliberativo, il programma di potenziamento dell’attività di monitoraggio della qualità dei nostri ospedali, perché da esso sarà facile capire che il miglioramento dell’assistenza non potrà fare a meno di una completa e paritetica interazione tra i due Presidi di Chieti e Pescara”. Lo dice il consigliere Luigi Febo, che aggiunge: “Se vogliamo informare correttamente i cittadini e parlare seriamente della scelta dell’ospedale di II livello, il primo dato di fatto è che il tempo, finalmente, sta dando ragione al percorso e agli obiettivi di programmazione perseguiti dall’assessore regionale Paolucci. Per prima cosa prendiamo atto che i consiglieri regionali Febbo e Marcozzi e il sindaco di Chieti Umberto Di Primio, in un raptus di sincerità, condividono pienamente il Piano di Integrazione Funzionale tra Chieti e Pescara, messo in campo dall’assessore con la riorganizzazione della rete ospedaliera regionale che, è bene ricordarlo, è stata la prima in Italia ad essere approvata dai Tavoli Tecnici ministeriali.

Nessuno, inoltre, può negare il metodo trasparente voluto e difeso dall’assessore con la richiesta di uno studio tecnico di fattibilità elaborato da una commissione paritetica, composta anche da esponenti di altre regioni, proprio per evitare l’errore di ridurre il tema prioritario della sicurezza e della qualità delle cure per i nostri concittadini a una ridicola e inutile guerra di campanili. A chi, poi, vuole dare una lettura distorta del Decreto Lorenzin e dell’ultimo parere del Ministero, che richiedono per un DEA di II livello la concentrazione delle funzioni HUB Tempo dipendenti, diciamo di studiare meglio. Le direttive nazionali – conclude - ci dicono che le funzioni non sono il numero dei primari o l’elenco dei reparti, ma le attività assistenziali complesse, di cui bisogna valutare non soltanto i volumi numerici ma gli esiti delle cure, che sono l’unica cosa importante che ci richiedono i pazienti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento