menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lago di Bomba, immagine di archivio

Lago di Bomba, immagine di archivio

Estrazione di gas al lago di Bomba: mobilitazione dei sindaci contro il progetto

Dopo due bocciature, con alcune variazioni, potrebbe ripartire il piano della società Cmi Energia srl

Sindaci sul piede di guerra contro il progetto di estrazione di gas dal lago di Bomba, bocciato due volte, ma non ancora in via definitiva. È notizia di pochi giorni fa, infatti, la società Cmi Energia srl ha depositato nuovi documenti al ministero dell’Ambiente, con modifiche progettuali relative al “Progetto di sviluppo concessione Colle Santo” di estrazione di gas a Bomba.

Una variante che potrebbe far ripartire il progetto osteggiato da più parti. Al momento, tutti i documenti sono stati pubblicati sul sito del ministero ed è possibile presentare osservazioni entro il 15 marzo

Per questo, si stanno mobilitando i sindaci della zona frentana e della Val di Sangro. Il progetto, oltre all'estrazione del metano, prevede la realizzazione di un gasdotto di 20 chilometri e di una raffineria nella zona industriale di Paglieta. 

Giovedì (27 febbraio), alle ore 17.30, nella sede del Comune di Atessa, si riunirà il Comitato dei sindaci Sangro-Aventino-Frentano per la tutela e la valorizzazione dell'ambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Abruzzo in zona arancione: cosa cambia da oggi

Attualità

Variante inglese del Covid, boom di casi a Guardiagrele

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento