menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il capogruppo di Chieti per Chieti, Luigi Febo

Il capogruppo di Chieti per Chieti, Luigi Febo

"Niente tassa sui rifiuti per i negozi chiusi a causa del Coronavirus": la proposta di Pd e Chieti per Chieti

Un ordine del giorno per chiedere la modifica al regolamento comunale sulla Tari, per agevolare gli esercenti che in questi mesi non hanno alcuna entrata

Un ordine del giorno per chiedere una modifica del regolamento comunale sulla Tari che consenta a negozi e imprese di non pagare la tassa sui rifiuti nel periodo di chiusura forzata per il Coronavirus. Lo hanno presentato questa mattina i consiglieri comunali di Chieti per Chieti Luigi Febo, Teresa Giammarino e Diego Ferrara, e Partito Democratico, Chiara Zappalorto, Filippo Di Giovanni, Alessio Di Iorio.

“Lo slittamento delle scadenze - dicono - non è sufficiente. Per le imprese e le attività commerciali che, a causa dell’emergenza Covid 19, hanno dovuto interrompere la propria attività, è necessario detrarre l’importo relativo al periodo di chiusura. La chiusura di tali attività, in gran parte dei casi unica fonte di sostegno per i titolari, ha prodotto notevoli disagi non attenuati o superati dagli interventi di sostegno previsti dallo Stato, per cui si propone di agevolare gli interessati con una iniziativa in materia di tassa rifiuti che sia di aiuto, riconoscendo il fatto obiettivo che in questo periodo di chiusura non vi sia stata effettiva produzione di rifiuti. Gli strumenti legislativi per applicare queste misure esistono e, quindi, si proceda alla modifica", concludono.

Nell'ordine del giorno, che sarà discusso il prima possibile in consiglio comunale, si chiede di inserire nel regolamento vigente o in quello che si vorrà riapprovare, un articolo che preveda che 

Limitatamente al periodo emergenziale connesso alle disposizioni nazionali sul coronavirus, sono esentati dal pagamento della tassa, pro quota e per il relativo periodo, le attivita? economiche obbligate alla chiusura, a condizione che le stesse formulino apposita dichiarazione in tal senso entro un periodo stabilito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento