menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I capodogli di Vasto battono il Governo: da oggi punibile l'air gun

Il senatore vastese Gianluca Castaldi: "Dedico risultato a vastesi che aiutarono capodogli". Nei giorni dopo lo spiaggiamento dei cetacei a Punta Penna si era concretizzata l'ipotesi che a causare l'incidente in mare fosse stata proprio la tecnica di ricerca dei giacimenti petroliferi

I capodogli vincono al Senato. Con 114 voti favorevoli contro 103 voti negativi, ieri è stato approvato in Senato un emendamento al ddl reati ambientali che prevede la punibilità all'uso della tecnica dell'air gun con una pena da uno a tre anni di reclusione. Proprio l'air gun, metodo di ricerca petrolifera che ispeziona i fondali marini con l'utilizzo di continue esplosioni di aria compressa, era stato additato tra le possibili cause dello spiaggiamento dei capodogli a Punta Penna, lo scorso settembre. Pochi giorni dopo l’episodio, il senatore vastese Gianluca Castaldi aveva portato il problema all’attenzione del Senato in un intervento di fine seduta, ringraziando i vastesi intervenuti sul luogo per dare una mano. “Oggi – dichiara Castaldi - con orgoglio dico di nuovo grazie e dedico questa piccola grande vittoria in Senato ai cittadini di Vasto che generosamente aiutarono i capodogli spiaggiati a Punta Penna”. L’emendamento è stato approvato nonostante il parere contrario del governo Renzi, grazie ai voti del M5S, di Gal e della Lega.

“Una piccola grande vittoria – aggiunge Castaldi - che dimostra tre cose. Primo, dietro l'arroganza del governo Renzi si nascondono numeri così risicati che un “incidente” è sempre dietro l'angolo. Secondo, quando le opposizioni si uniscono possono davvero far male alla maggioranza: purtroppo spesso il M5S si ritrova a combattere da solo. Terzo, l'emendamento sull'air gun non è del M5S, porta la firma di quattro senatori di Gal. Lo abbiamo comunque votato con entusiasmo come fosse nostro: lo ripetiamo sempre, il M5S vota le idee buone e utili al bene dei cittadini da chiunque arrivino, senza pregiudizi ideologici”.

Nei giorni scorsi una lettera di compiacimento è arrivata in Abruzzo dal Ministero dell’Ambiente per le operazioni di salvataggio dei cetacei a Punta Penna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento