rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Elezioni

Regionali, Marsilio avanti di nove punti secondo il sondaggio commissionato da FdI: "Nessun testa a testa"

Ad affermarlo il segretario regionale del partito e senatore Etelwardo Sigismondi commentando i numeri de sondaggio affidato alla Emg Different dal partito: problemi per il candidato del centrosinistra Luciano D'Amico ci sarebbero anche in termini di apprezzamento nel suo elettorato

Il presidente della Regione uscente Marco Marsilio avrebbe un vantaggio di nove punti sul candidato del Patto per L'Abruzzo guidato da Luciano D'Amico: la coalizione di centrodestra raggiungerebbe il 54 per cento delle preferenze con Marsilio che sarebbe molto apprezzato dall'elettorato.

A sostenerlo il sondaggio elettorale della Emg Different commissionato da Fratelli d'Italia e riferito dal senatore e segretario regionale Etelwardo Sigismondi. Numeri quelli che emergono, dichiara, che offrono “una chiara fotografia della situazione politica in Abruzzo”. Il sondaggio FdI smentirebbe dunque quello Winpoll che parlava di “testa a testa” tra i due candidati “ipotizzato dai dirigenti del centrosinistra: rimane per loro un miraggio”, chiosa Sigismondi.

“L’analisi conferma la crescita del centrodestra nella regione, con la coalizione che raggiunge il 54 per cento, registrando un aumento di oltre sei punti rispetto ai risultati delle politiche del 2022. Un altro importante aspetto registrato dal sondaggio è che la forza di Marsilio rappresenta un valore aggiunto per il centrodestra, ottenendo un consenso che supera la somma dei singoli partiti della coalizione. Al contrario, il candidato D’Amico perde consensi rispetto alla sua compagine elettorale”, prosegue il coordinatore regionale del partito.

Sigimondi rileva come dal sondaggio emerga il fatto che “D’Amico non convince nemmeno il suo elettorato: solo il 50 per cento degli elettori del centrosinistra che mostra fiducia in lui”. A contrario, rimarca, “il giudizio sul lavoro del presidente Marsilio risulta positivo: solo il 19 per cento degli intervistati, principalmente elettori del centrosinistra (40 per cento), esprime un giudizio negativo sul suo operato. Anche tra gli avversari, il 60 per cento degli elettori del centrosinistra non dichiara un giudizio negativo sull'attività svolta da Marsilio”.

“Per quanto riguarda i partiti, il rilevamento evidenzia che Fratelli d’Italia si conferma come primo partito della regione, mentre il Pd attraversa una chiara crisi, con il M5s che scavalca i dem attestandosi come secondo partito in Abruzzo”, prosegue.

“C’è infine da considerare come il risultato del sondaggio non ancora metabolizzi il reale effetto della forza delle liste e delle candidature che, siamo convinti, andranno ad accrescere il divario già consistente tra Marsilio e il suo avversario – precisa Sigismondi -. Questo divario, pertanto, grazie alle liste tenderà ad allargarsi con il trascorrere della campagna elettorale. In conclusione, sembra che gli abruzzesi abbiano ben apprezzato l’enorme lavoro svolto da Marsilio e la sua giunta e siano ben consapevoli di quanto la sintonia tra governo regionale e governo nazionale rappresenti un patrimonio che non può che fare il bene dell’Abruzzo”.

Il commento del deputato Testa (FdI): "Confermata la serietà e l'ottimo lavoro svolto dal governo Marsilio"

“Sono molto importanti i risultati del sondaggio commissionato da Fratelli d'Italia sul gradimento dei due candidati alla presidenza della Regione Abruzzo e sull'andamento dei partiti di entrambe le coalizioni: sconfessano il centrosinistra e confermano quanto da sempre asseriamo sulla serietà e sull'ottimo lavoro svolto da Marsilio e dal governo regionale di centrodestra nel quinquennio di legislatura che volge al termine”. Questo il commento del deputato FdI Guerino Testa al sondaggio Emg Different.

“D'altronde è quanto si percepisce, in maniera netta, dai territori che mai come in passato hanno potuto contare su una governance regionale affidabile e concreta – prosegue -. Territori che necessitano di essere ancora supportati da chi ha saputo programmare con intelligenza e lungimiranza e che ha ancora ambiziosi progetti per l'Abruzzo. Un Abruzzo che, non smetterò di ribadirlo, oggi conta sulla carta geografica e nei palazzi istituzionali”.

Il capogruppo in consiglio regionale FdI Verrecchia: "Messa a nudo la triste realtà della sinistra abruzzese"

"Un sondaggio che mette a nudo la triste realtà della sinistra abruzzese: una coalizione in crisi con un candidato poco percepito dagli stessi esponenti di partito, figurarsi dall'elettorato". Questo il commento del capogruppo in consiglio regionale FdI Massimo Verrecchia al sondaggio commissionato dal partito.  

Numeri quelli che emergono "che attestano Fratelli d'Italia come primo partito in Abruzzo e confermano il desiderio degli abruzzesi  di proseguire la strada intrapresa con Marsilio alla guida della Regione. Alle chiacchiere e alle distorte informazioni, anche sui trend elettorali, che il Pd e il centrosinistra continueranno a diffondere - aggiunge -, siamo ben abituati e lo sono evidentemente anche gli abruzzesi che, in passato, hanno pagato cara la fiducia accordatagli. Siamo consapevoli di avere una grande forza: aver piantato radici solide, assolvendo i nostri doveri con responsabilità e rispettando sempre gli impegni assunti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Marsilio avanti di nove punti secondo il sondaggio commissionato da FdI: "Nessun testa a testa"

ChietiToday è in caricamento