Elezioni Politiche 2013

Beppe Grillo, lo tsunami a cinque stelle partito da Chieti

Il portavoce teatino commenta il boom del M5S racconta l'ascesa del partito e annuncia: "Presto presenteremo le nostre liste in tutte le città. Sarà un piacere avere un sindaco a 5 stelle"

"Il boom c'è stato ed è stato incredibile. Non è vero che è stato un voto di protesta anzi, è stato un voto di proposta".

Così il portavoce del Movimento 5 stelle Chieti, Andrea Di Ciano, commenta a caldo i risultati elettorali in città. Il Movimento è stato il partito più votato al Senato (27,98%) e alla Camera (28,76%).

Di Ciano racconta l'ascesa del Movimento a Chieti, con un pienone in piazza San Giustino lo scorso 17 gennaio, preludio a quanto sarebbe stato.

"Abbiamo dimostrato che è possibile fare politica spendendo poche migliaia di euro a livello regionale - racconta - quando lo staff di Grillo ci chiese di organizzare la tappa dello tsunami tour nella nostra città non ci abbiamo pensato due volte accettandosubito e iniziando a scalare tutte le problematiche burocratiche che ci si presentavano. Il 17 gennaio in piazza Grillo ha preso la parola davanti a circa tremila persone per un comizio politico inedito".

Quanto alla soddisfazione espressa dal sindaco Umberto Di Primio su come sono andate le cose a Chieti, il portavoce grillino ribatte: "Sentire il sindaco di Chieti dire di aver avuto un ottimo risultato mi lascia sgomento perchè vuol dire che vive in mondo parallelo e non capisce il malumore dei suoi concittadini. Poi dice che dobbiamo dimostrare di non essere un movimento di piazza e dare risposte concrete ai cittadini, dimenticando che in Sicilia, Emilia Romagna e Piemonte siamo in regione e a Parma c'è un'intera giunta grillina".

E, per concludere, annuncia: "Presto presenteremo le nostre liste in tutte le città e alle prossime regionali. Sarà un piacere a Chieti avere un sindaco a 5 stelle".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beppe Grillo, lo tsunami a cinque stelle partito da Chieti

ChietiToday è in caricamento