menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orlando Donatucci si ricandida a Roccamontepiano

Il sindaco uscente si ripropone per il secondo mandato con il simbolo di Crescere in libertà

Il sindaco uscente di Roccamontepiano Orlando Donatucci si ricandida alle prossime elezioni amministrative che coinvolgeranno anche il comune chietino "a dare un segno di continuità, per rispettare gli impegni assunti con i miei concittadini e con la terra a cui appartengo. Proprio a loro dedico il mio impegno di sindaco”.

“E’ mio dovere, oltre che diritto – dichiara Donatucci - alla fine di un primo e proficuo mandato amministrativo, propormi per continuare il progetto di rinnovamento che l’elezione del 2012 ha già ritenuto valido con una vittoria lampante e dirimente. Ho al mio attivo cinque anni di lavoro indefesso. Credo di essermi distinto per coerenza, onestà e trasparenza nonostante le congiunture e le condizioni spesso sfavorevoli locali e nazionali”.

Donatucci, medico chirurgo e dirigente del pronto soccorso dell'ospedale civile di Guardiagrele, 60 anni, ha una lunga storia amministrativa e di militanza politica alle spalle. Consigliere comunale di opposizione dal 1985 al 1990, è stato eletto nuovamente nell'assise civica di Roccamontepiano nel 1998 diventando assessore dell’allora sindaco Giovanni Legnini. Rieletto nel 2002 è stato nominato assessore con deleghe a sanità, istruzione, cultura, politiche sociali nell'amministrazione di Adamo Carulli. Donatucci è stato candidato alle elezioni provinciali del 1990 nelle file del PCI e nel 1995 nel PDS. Del PCI è stato anche segretario di sezione nella fase di transizione verso il PDS, accompagnando la fase di cambiamento verso i DS e nel PD. Con 891 voti, alla guida della lista numero 1, Crescere in Libertà, nel 2012 è diventato primo cittadino del paese con uno straordinario successo.

“Sono felice di avere accanto i miei concittadini. Sono loro che mi hanno definitivamente convinto a rompere gli indugi, dopo essersi impegnati in una raccolta firme a mio favore. Con loro e per loro farò la mia battaglia per Roccamontepiano”, prosegue ancora.

Donatucci si presenterà con una lista civica, di chiara impronta di centrosinistra, con il simbolo Crescere in libertà. “Lasciamo che sia Roccamontepiano a scegliere e non un’esigua e astiosa cerchia di maggiorenti che non hanno il polso della situazione del nostro paese, della nostra storia, dei nostri progetti”, conclude Donatucci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento