menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marinucci smentisce candidatura alle Regionali: "Sono e resto il sindaco di San Giovanni Teatino"

E' stato lo stesso sindaco a comunicarlo ufficialmente nel corso dell'ultimo Consiglio comunale, smentendo i rumors

Il primo cittadino di San Giovanni Teatino, Luciano Marinucci, smentisce rumors su una possibile candidatura alle regionali. E' stato lo stesso Marinucci a comunicarlo ufficialmente nel corso dell'ultimo Consiglio comunale.

Marinucci ha detto di non essersi fatto ammaliare dalle sirene di Palazzo dell'Emiciclo, tantomeno ha chiesto a candidature alle quali aspirano tanti suoi colleghi sindaci. "E' vero che più volte, forze politiche mi hanno contattato proponendomi candidature - ha precisato - ma io mi sono candidato per amministrare San Giovanni Teatino".

Luciano Marinucci è stato eletto Sindaco di San Giovanni Teatino, per la seconda volta, lo scorso giugno 2016, ottenendo il 52,8% dei voti.

A metà mandato Luciano Marinucci vuole spendere per la città risorse ed investimenti per i quali ha lavorato per almeno sei anni e che ora stanno per essere trasformati in opere pubbliche ed interventi sul territorio. Si tratta dei 3,4 milioni di euro della "Convenzione Terna" che l'amministrazione Marinucci ha deciso di investire per la riqualificazione di strade ed importanti assi viari, efficientamento energetico degli edifici comunali e per interventi nelle scuole. Ci sono poi 1,6 milioni della "Convenzione IGD" che consentiranno la grande opera di riqualificazione e sistemazione stradale dell'area commerciale. "Sono cinque milioni di euro ottenuti con lunghe e complesse trattative, senza prendere un euro dalle tasche dei cittadini. Ora li voglio spendere io - ha dichiarato Marinucci -  per dare seguito alla mia azione amministrativa. Voglio essere presente e primo testimone della realizzazione di ogni intervento.  Anche per questo ho voluto rinunciare ad ogni candidatura. Sicuramente il mio impegno sarà per la buona politica, e se un'altro esponete di questa amministrazione vorrà fare questo passo, a favore della nostra comunità, io ci sarò".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento