menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, "Guardiagrele per tutti" si presenta: è la prima lista ad avere una donna candidata sindaco

L'appuntamento per far conoscere la prima lista che, nella storia, propone una donna candidata alla carica di sindaco (Gianna Di Crescenzo), è alle ore 10

La lista "Guardiagrele per tutti" si presenta, in vista delle prossime elezioni comunali, domenica 23 agosto in piazza Santa Maria Maggiore.
L'appuntamento per far conoscere la prima lista che, nella storia, propone una donna candidata alla carica di sindaco (Gianna Di Crescenzo), è alle ore 10.

Verranno anche illustrate le proposte per il futuro della città.

«Siamo riusciti ad assicurare la parità di genere tra i candidati consiglieri e crediamo davvero che, prima d’ora, la nostra città non abbia mai avuto una possibilità di cambiamento così forte, anche culturale, come quella che noi proponiamo», si legge in una nota, «siamo molto soddisfatti di quanto fatto finora perché rappresentiamo la maggior parte delle realtà che compongono il nostro borgo: il sociale e lo sport, l’economia e il turismo, l’artigianato e la gastronomia, il commercio e l’industria, l’architettura e l’ambiente, la cultura e l’istruzione, il centro storico e le contrade. Abbiamo con noi persone d’esperienza, politica e professionale, e giovani e giovanissimi che si stanno affacciando ora in questi due importanti ambiti della vita e della società. Loro sono la nostra parte più preziosa: ci forniscono una visione nuova e diversa di Guardiagrele e del mondo che ci circonda. Essi dovranno essere gli amministratori del futuro, e saremo felici di passargli il testimone, percorrendo adesso un pezzo di cammino insieme. Il programma elettorale è venuto fuori naturalmente, mettendo insieme una duplice visione della città: da un lato vogliamo prenderci cura di essa di chi la vive e viene anche solo a visitarla, dall’altro desideriamo proiettarla nel futuro, lungo direttrici che la mettano in comunicazione con tutto ciò che le accade e che c’è intorno, in senso locale e globale. Insieme, abbiamo anche deciso di non inaugurare il comitato elettorale: è pur sempre un luogo chiuso, a se stesso. Noi vogliamo stare tra la gente e i nostri concittadini, stringere idealmente mani e scambiare sorrisi con gli occhi (mi raccomando, la mascherina!)».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento