menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Razzi e Berlusconi

Razzi e Berlusconi

Forza Italia scarica Razzi e Febbo si lascia andare: "Ce ne siamo liberati!"

Il senatore uscite di Giuliano Teatino, non nasconde il suo rammarico per non essere stato avvisato, magari da Berlusconi in persona, e rivendica il suo impegno nella politica internazionale

Sul suo profilo Facebook, il consigliere regionale Mauro Febbo si è lasciato andare a un "Finalmente ce ne siamo liberati", condito da abbondanza di punti esclamativi. Lui, il senatore uscente di Giuliano Teatino Antonio Razzi, non ha nascosto il suo rammarico per la decisione di Forza Italia di non candidarlo alle elezioni politiche del prossimo 4 marzo. 

In un'intervista telefonica rilasciata a Radio Capital, Razzi, più noto per le sue gaffes e le sue stranezze che per la sua attività politica negli 8 anni di militanza nel partito, ha ribadito il suo "amore" per Silvio Berlusconi. Non risparmiando, però, l'amarezza per non essere stato avvisato, magari proprio dallo stesso Cavaliere. 

"Io ho parlato con Kim Jong-un favorendo la distensione internazionale - ha detto - non credo ci siano altre molte persone in grado di parlare con un dittatore". Dal canto suo, secondo quanto dichiarato, Antonio Razzi non chiamerà Berlusconi per chiedere chiarimenti, ritenendo di essersi sempre comportato "in maniera corretta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento