Martedì, 26 Ottobre 2021
Elezioni Regionali 2019

Elezioni, monsignor Forte si schiera: "Attenzione alla dignità della persona e alla sanità, no alla delocalizzazione"

Solidarietà, accoglienza, lotta alla povertà, cura dell'ambiente tra i princìpi espressi dall'arcivescovo della diocesi di Chieti-Vasto che interviene su alcuni temi nel pre elezioni in Abruzzo

Le elezioni regionali in Abruzzo si avvicinano e l’arcivescovo della diocesi di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte, non nuovo a questi interventi, esprime alcune considerazioni sul voto all'indomani della sessione della Conferenza Episcopale Abruzzese Molisana Regionale con l’auspicio che tutti gli elettori esercitino il diritto al voto. Le riflessioni sono state ispirate alla dottrina sociale della Chiesa e in particolare al messaggio di Papa Francesco per la giornata mondiale della pace 2019 su “La buona politica al servizio della pace”. Monsignor Forte ne riprende aspetti che toccano in particolare il territorio della Chiesa locale. 

I sì: soliadarietà, accoglienza, attenzione alle esigenze del territorio

"I “sì” - evidenzia l'arcivescovo - riguardano anzitutto il rispetto della dignità di ogni persona umana, quale che sia il colore della sua pelle, la sua storia, la sua provenienza. Da un tale rispetto conseguono i doveri di solidarietà verso i più deboli e di accoglienza verso chi bussa alle nostre porte, fuggendo spesso da fame o violenza alla ricerca di un futuro migliore per sé e i propri cari. In collaborazione con l’azione della prefettura varie nostre realtà ecclesiali hanno ben operato in tal senso e continueranno a farlo secondo il bisogno. Questo “sì” si congiunge a un appello all’Unione Europea perché si lavori a promuovere un’Europa dei popoli, solidale e partecipativa nel gestire il flusso epocale dellemigrazioni. Un altro “sì” necessario è quello all’impegno prioritario da parte di chi sarà eletto nei confronti dell’emergere e dell’allargarsi delle povertà, del fondamentale problema del lavoro dei giovani, fra cui si diffonde la paura del futuro data l’insicurezza delle possibilità che si aprono per loro, e della situazione di emergenza del post-terremoto, che esige una sollecitudine da incentivare con determinazione".

Forte poi mette in evicenza il particolare bisogno di attenzione che richiede l’ambito della sanità.

"Pur convenendo sull’urgenza e l’opportunità del riassetto della rete ospedaliera - dice -  non si può non segnalare la necessità di tener conto dei bisogni della gente sul territorio, perché essi appaiono a volte sottovalutati a favore di una logica aziendale, che non si addice ai doveri di un servizio pubblico".

L'attenzione è anche rivolta all'ambiente:

"La tutela e la promozione di quello che è l’autentico patrimonio collettivo della nostra gente di Abruzzo è dovere primario di ogni amministratore" continua monsignore ricordando il pericolo dell’emergenza rifiuti, "che esige soluzioni su vasta scala e lungimiranti, mentre l’urgenza dell’intervento sulla distribuzione e la certificazione della qualità dell’acqua è improcrastinabile. Infine, nel campo dell’energia lo sviluppo delle fonti rinnovabili - da quella eolica, a quella solare, a quella idroelettrica - non potrà non caratterizzare una terra generosa come la nostra".

No alla delocalizzaizone, al rifiuto del 'diverso'


I “no” riassunti dall'arcivescovo sono quelli che vanno contro ogni logica di esclusione, come ad ogni esasperato atteggiamento identitario e a qualsivoglia rifiuto pregiudiziale del diverso.

"Per sua natura il cristiano - spiega - sa di essere chiamato ad uno spirito di fraternità universale. Parimenti, va rifiutato ogni atteggiamento di rinuncia al cambiamento e all’audacia imprenditoriale, come ogni operazione di delocalizzazione rivolta unicamente al maggior profitto: il nostro territorio ha più che mai bisogno di partecipazione attiva e responsabile e di coraggio e fiducia nell’avviare nuove possibilità di impresa e di lavoro. Anche in questi ambiti si esprime la speranza della fede, nella concretezza di iniziative imprenditoriali avviate con responsabilità e creatività personale, ma non di meno con generosità e cura del bene comune".

Insomma, l'invito dell'arcivescovo di Chieti-Vasto è ad impegnarsi

"con decisione e generosità al servizio del bene di tutti e ad essere vigili affinché i “sì” e i “no” proposti siano recepiti e sia data risposta concreta ed efficace alle urgenze segnalate. Il Signore benedica la nostra gente e l’intera Nazione Italiana". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, monsignor Forte si schiera: "Attenzione alla dignità della persona e alla sanità, no alla delocalizzazione"

ChietiToday è in caricamento