menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carlo Fedecostante

Carlo Fedecostante

Elezioni 2018, Unimpresa Chieti a Roma per presentare proposte

L’associazione di Chieti, rappresentanta dal presidente provinciale Carlo Primo Fedecostante, presenterà un documento con idee e suggerimenti per la prossima legislatura

Fisco, lavoro, sanità, Mezzogiorno, internazionalizzazione, turismo, sport e tempo libero. Questi gli argomenti chiave del documento “5 anni con l’Italia al centro” che racchiude le proposte di Unimpresa per la prossima legislatura e sarà presentato ufficialmente giovedì 8 febbraio a Roma, all’Auditorium di via Veneto, alle ore 10.30. L’evento sarà aperto dall’intervento del presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, cui farà seguito il saluto del segretario generale di Confintesa, Francesco Prudenzano.

La mattinata di lavori – moderata dal direttore di Rai Vaticano, Massimo Milone – proseguirà con le relazioni di Claudio Pucci (vicepresidente di Unimpresa con delega al fisco), Giancarlo Bergamo (responsabile del Dipartimento lavoro e welfare), Ivan Sciarretta (consigliere nazionale Unimpresa con delega alla sanità), Adriano Giannola (presidente Svimez), Mario Ciardiello (responsabile Dipartimento estero Unimpresa), Salvatore Bulgarella (esperto internazionale di strategie e sviluppo del territorio) Dario Tozzi (vicepresidente Unimpresa con delega allo sport).

Subito dopo l’illustrazione dei dettagli delle proposte di Unimpresa, la parola passerà ai rappresentanti delle forze politiche e ad altri ospiti. Sul palco si alterneranno Ettore Rosato (capogruppo del Partito democratico alla Camera dei deputati), Renato Brunetta (capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati), Guido Guidesi (capogruppo Lega alla Commissione Bilancio della Camera), Adolfo Urso (Fratelli d’Italia), Mario Baccini (presidente Ente nazionale per il Microcredito).

“Le nostre imprese – si legge nell’introduzione del documento programmatico di Unimpresa – hanno assoluta necessita? di vedere alleggerita la morsa fiscale e burocratica che le attanaglia, facendole viaggiare col freno a mano tirato o, peggio, con le ganasce ai piedi. La pressione fiscale in generale e, in particolare, quella che grava, come un macigno, sulle medie, piccole e micro imprese, rappresenta una vera camicia di forza, che mortifica e impedisce alle energie esistenti di esprimersi adeguatamente. La pressione fiscale, esercitata indistintamente sulla piccola e sulla grande azienda, la burocrazia limitante, l’accesso difficile al credito e le molteplici tassazioni indirette costituiscono un insieme di limitazioni e di penalizzazioni, atte a scoraggiare, più che ad assecondare, persino la più determinata volontà di impresa”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento