Venerdì, 14 Maggio 2021
Elezioni Comunali 2015

Ballottaggio, M5S si astiene: "Io non voto il meno peggio”

I portavoce: "Nessuno è in grado di illustrare i programmi pensati per la rinascita della città di Chieti in quanto ciascuno dei due è impegnato solo ed esclusivamente nell'azione volta a screditare l'avversario politico"

Ottavio Argenio (M5S)

Né Febo, né Di Primio. Il Movimento 5 Stelle Chieti ribadisce di non appoggiare nessuno dei due candidati a sindaco al ballottaggio di domenica 14 giugno.

"La motivazione - spiegano i portavoce - è da ricercare nei principi fondanti del Movimento 5 Stelle ed appare ancor più giustificata alla luce del contegno dei due candidati e dei rispettivi schieramenti. Nessuno è in grado di illustrare i programmi pensati per la rinascita della città di Chieti in quanto ciascuno dei due è impegnato solo ed esclusivamente nell'azione volta a screditare l'avversario politico. In questo clima non è possibile scegliere il meno peggio".

Senza un confronto serio sui programmi per il Movimento non è possibile scegliere chi eventualmente appoggiare. Il gruppo dei candidati fa sapere quindi che non si recherà al seggio o che eserciterà il diritto di rifiutare la scheda elettorale facendo verbalizzare dal Presidente della singola sezione.

"Tutti gli elettori saranno quindi liberi di recarsi o meno alle urne, di esprimere o meno, secondo coscienza, le preferenze del caso o, in ultima analisi, scegliere di rifiutare la scheda elettorale facendo verbalizzare la frase: Io non voto il meno peggio, alternativa che però non equivale ad esprimere il voto bensì ad astenersi. Per tale motivo - aggiungono - considerata l'alta valenza dell'espressione del diritto di voto gli stessi candidati non intendono suggerire, neppure in modo implicito, agli elettori, una particolare modalità di comportamento, compreso l'astensionismo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ballottaggio, M5S si astiene: "Io non voto il meno peggio”

ChietiToday è in caricamento