Politica

Elezioni Vasto, la candidata sindaco Carinci (ChiAmaVasto): "Nel centrodestra solo diktat da Roma"

Critiche alla coalizione di centrodestra dalla candidata sostenuta anche dal Movimento 5 Stelle

“Il centrodestra ha sviluppato una particolare capacità: quella di non riuscire a trovare su Vasto figure di spicco votate alla politica locale". L'attacco è della canidata sindaco Dina Nirvana Carinci (ChiAmaVasto) sostenuta anche dal Movimento 5 Stelle.

"Saranno sempre le segreterie politiche a decidere e rivedremo un film noto, come il diktat da Roma al tempo delle spartizioni delle regioni e, in particolare, della nostra amata terra che poco o niente ha da condividere con il prescelto 'Console romano' Marsilio, ormai noto come l’uomo dei tre mari d'Abruzzo. Ripensando ai consigli comunali dell'ultimo quinquennio e agli attacchi, peraltro spesso condivisi dal gruppo M5s Vasto, contro l'uscente e devastante amministrazione di centrosinistra, ricordo l'impeto dei loro 'presto vi cacceremo via e arriveremo noi', e ora? La coalizione di centrodestra, quella locale, attende le imposizioni delle varie segreterie politiche che, comunque, continuano a muoversi come rette parallele".

La candidata sottolinea la differenza della sua squadra. "Per noi, invece, non esistono diktat se non quelli che provengono dai cittadini. Quelli vicini al M5s mi hanno scelta come candidato sindaco della nostra città e, insieme ai vastesi che si sono avvicinati in questi mesi al Progetto Civico ChiAmaVasto, andiamo avanti senza chiedere il permesso a nessuno, a Roma o in Regione, con onore e orgoglio e proseguiremo con la stessa coerenza dimostrata durante il percorso politico di questi ultimi cinque anni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Vasto, la candidata sindaco Carinci (ChiAmaVasto): "Nel centrodestra solo diktat da Roma"

ChietiToday è in caricamento