menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani

Il sindaco di Francavilla, Antonio Luciani

Elezioni, Luciani fa "outing": "Mi candido alla guida della Regione Abruzzo"

Il sindaco di Francavilla al Mare esce allo scoperto in un'intervista al quotidiano 'Il Centro'. E D'Alfonso? "Non vorrei che la Regione fosse considerata una ruota di scorta". Si parla anche di Palazzo Sirena: "Io prendo di mira una questione, l'attacco, decido e risolvo"

Primarie con D'Alfonso? "Finora non ho sentito una parola chiara sulla sua volontà di restare in Abruzzo. Non vorrei che la Regione fosse considerata una ruota di scorta". Così il sindaco di Francavilla al Mare, Antonio Luciani, che oggi, dalle pagine del quotidiano 'Il Centro', intervistato da Antonio De Frenza lancia la sua candidatura alla Regione.

Il sindaco di Francavilla al Mare esce allo scoperto

"Mi candido alla Regione", annuncia dunque Luciani, che farà un giro in 80 giorni, ogni sabato, a partire dal prossimo, e fino alle elezioni, nei 305 Comuni abruzzesi, a bordo della sua 500 bianca allo slogan #perlabruzzoconantonio. Sull'idea di questo tour, spiega:

"Voglio conoscere meglio il territorio e restituirgli la sua vocazione. Mai mi sarei dimesso per candidarmi in Regione, da consigliere, o a Roma da deputato. Ma una sola possibilità mi avrebbe convinto alle dimissioni anticipate: quella di candidarmi alla presidenza della Regione".

"Secondo lei", chiede De Frenza al primo cittadino di Francavilla, i tempi sono maturi per questa scelta?

"Sì, sono maturi, perché vedo l'attuale classe politica un po' distratta dalle elezioni romane. Sento un gran parlare di candidature e molti già si accapigliano per posizionarsi. Qualcuno mi ha anche chiesto se fossi disposto a correre. Ma io ho risposto che se mi fosse data la possibilità di andare a Roma direi di no".

Questa sua candidatura matura all'interno del Partito Democratico?

"Forse non abbiamo ancora capito che bisogna rimettere al centro le persone e non i simboli. Che bisogna cioè ristrutturare la politica sulla qualità delle persone, e non sull'appartenenza a questo o quello schieramento. Detto questo, oggi chiaramente non mi pongo come candidato Pd, non potrei neanche farlo da solo. Se il partito lo vorrà, se vorrà le primarie, mi sottoporrò a ogni forma di giudizio".

Il giudizio di Luciani sull'amministrazione D'Alfonso

Che giudizio si è fatto, Antonio Luciani, della Regione come amministrazione? "Sicuramente - risponde - con D'Alfonso la Regione è migliorata come attenzione ai problemi, soprattutto nella parte politica. Ma è poco migliorata dal punto di vista della struttura, della sua organizzazione". E su Palazzo Sirena: "Io prendo di mira una questione, l'attacco, decido e risolvo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento