Politica

Elezioni Francavilla, le donne del Pd contro il sindaco Luciani: "Solo atteggiamento di chiusura"

La coordinatrice della conferenza Donne Dem provinciale, Marta Rapa in polemica con il primo cittadino sulla scelta del candidato sindaco

"Ormai a scadenze cicliche assistiamo ad attacchi al Partito Democratico di Francavilla al Mare da parte del sindaco Antonio Luciani, ovvero da chi dovrebbe fungere da collante della coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni comunali e non da disgregatore come sta facendo da tempo". A dirlo è la coordinatrice della conferenza Donne Dem provinciale, Marta Rapa in polemica con il primo cittadino sulla scelta del candidato sindaco per le prossime amministrative.

"Oggi non è più accettabile - dice Rapa - un atteggiamento divisivo che mira a spaccare, per proprio mero calcolo egoistico, quella che è stata la forza trainante della maggioranza uscita dall'ultima tornata elettorale in città. A coloro che si permettono di insinuare addirittura che non ci presenteremo al giudizio dei cittadini e degli elettori diciamo a chiara voce che il Pd c'era, c'è e ci sarà. E ricordiamo a costoro che il Partito Democratico di Francavilla è una comunità viva e propositiva e appartiene prima di tutto agli iscritti, che quotidianamente si mettono in gioco e si impegnano, non solo nell'imminenza della scadenza elettorale".

La coordinatrice delle donne dem ricorda che "in tutti questi anni il Pd si è speso per la città con le sue donne e con i suoi uomini, con varie iniziative proposte e realizzate anche da militanti che non hanno avuto e che non hanno un ruolo pubblico. Al nostro interno abbiamo sempre avuto una discussione aperta e plurale, che rappresenta un punto di forza e non di divisione perchè avere posizioni diverse per poi trovare una migliore sintesi è alla base di un sano confronto e di una vera crescita".

Poi lancia una stoccata all'attuale sindaco Antonio Luciani. "Per questi motivi sono del tutto fuori luogo e gratuite le esternazioni di Luciani che - spiega Rapa - dall'esterno insinua dubbi e pone ultimatum a quelli che definisce "amici", ma che per lui sono tali solo se accettano senza confronto decisioni per le quali non sono stati mai stati interpellati e nemmeno preventivamente informati. Giù le mani dal Pd: la nostra comunità affronterà, come ha sempre fatto e come sta facendo anche adesso, tutti le questioni con una discussione franca, leale e aperta, anche aspra se serve. Abbiamo un Segretario nell'esercizio delle sue funzioni e una classe dirigente che è al lavoro. Ci sembra invece di capire che da parte del sindaco Luciani non c'è alcuna discussione aperta ma solo atteggiamento di chiusura".

Infine Marta Rapa ricorda che "il Pd di Francavilla ha la possibilità di avere un candidato forte e autorevole ma sta agli iscritti - e solo a loro - ragionare e scegliere se puntare ad avere un ruolo di perno di una coalizione che mira a vincere le prossime elezioni, per guidare una città che dovrà affrontare e superare tutte quelle sfide che il post pandemia ci metterà di fronte, oppure fare da spalla in una coalizione dove il dialogo appare unilaterale. I nostri iscritti decideranno democraticamente se vogliono un Pd protagonista, con un proprio candidato sindaco, oppure se vogliono appiattirsi in dinamiche dove essere solo pedine di un disegno altrui e senza avere voce in capitolo. Bisogna avere una visione del futuro e una forte idea di rinascita: il Pd ha idee e voglia di realizzarle con impegno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Francavilla, le donne del Pd contro il sindaco Luciani: "Solo atteggiamento di chiusura"

ChietiToday è in caricamento