Nella squadra di De Cesare c'è Ginefra, fu consigliere di maggioranza della prima giunta Di Primio

L'odontoiatra teatino è stato anche assessore della giunta Cucullo e alle elezioni regionali del 2014 ha sostenuto una delle civiche della coalizione di D'Alfonso

L'ex assessore della giunta Cucullo e consigliere comunale fino al 2015, Vincenzo Ginefra, ha aderito al progetto di Paolo De Cesare. Il dentista teatino ha deciso di tornare all'attività politica, candidandosi come consigliere nella lista Chieti c'è, una della cinque che sostengono la coalizione del giovane candidato sindaco.

L'odontoiatra spiega di essersi convinto "a rientrare in campo dopo un lungo periodo di distanza, poiché non condividevo e non condivido le attuali logiche di governo: adesso è giunto il momento di riprendere di lavoro e riproporre un metodo interrotto 15 anni fa con Nicola Cucullo, compianto sindaco il quale ha rappresentato profondamente la politica del fare con l'unico fine di rendere la città vivibile ed i cittadini fieri di viverci". 

Nel 2010, nel primo mandato del sindaco Umberto Di Primio, Ginefra fu capogruppo dell'allora Pdl, poi Forza Italia. Sul finire della consiliatura, uscì dalla maggioranza, fondando un gruppo consiliare all'opposizione con altri "ribelli. 

Poi, alle elezioni regionali del 2014 simpatizzò per una delle liste civiche della coalizione a sostegno di Luciano D'Alfonso, in seguito eletto presidente della Regione fino al 2019. 

Prima ancora, con Cucullo, la sua esperienza di assessore lo aveva fatto occupare delle deleghe a sanità, igiene, verde pubblico, raccolta dei rifiuti, pubblica illuminazione e servizi idrici. "Il mio desiderio - spiega - è di tornare alle buone prassi dimenticate. Parlo ad esempio della manutenzione del verde programmata sia negli interventi che nel bilancio previsionale, e non delle continue azioni spot a chiamata per cercare ribalte mediatiche o gratificazioni personali attraverso il semplice svolgimento del proprio dovere". Ginefra invoca inoltre "politiche della casa trasparenti e rapide".

La sua scelta di sostenere il progetto del più giovane candidato sindaco dei sei che si contendono la fascia tricolore deriva, puntualizza dalla considerazione che "Paolo De Cesare è un giovane dalle esperienze e capacità notevoli, maturate in ambienti imprenditoriali, culturali e sociali, quindi rappresenta un modello di rinnovamento necessario per il nostro capoluogo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento