Martedì, 19 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2020 Francavilla al Mare

Elezioni Francavilla al Mare, il candidato sindaco Roberto Angelucci: "Sogno una città sostenibile, pulita e a misura del cittadino"

Roberto Angelucci ci racconta aspettative e obiettivi a pochi giorni dal voto per la scelta del nuovo sindaco e il rinnovo del consiglio comunale di Francavilla al Mare

Roberto Angelucci è uno degli otto candidati sindaco alle prossime elezioni comunali di Francavilla al Mare del 3 e 4 ottobre. L'ex sindaco è sostenuto dai partiti di centrodestra e liste civiche.

Angelucci risponde alle nostre domande, proposte anche a Luisa Russo, Livio Sarchese, Franco Moroni, Carmine Montebello, Moreno Bernini, Camillo Paolini e Gianluca Baldassarre.

Qual è per lei il principale problema di Francavilla al Mare?

Attualmente il principale problema della città sono i pericoli derivanti dalla mancata manutenzione, ordinaria e straordinaria, su marciapiedi e strade di quasi tutta la città. Tale mancata manutenzione è causa di buche, marciapiedi dissestati, vegetazione che invade case e strade. Tutto questo provoca frequenti incidenti ed è causa di ingenti rimborsi da parte del Comune ai malcapitati.

Quale sarà il suo obiettivo primario nei primi 3 mesi di mandato?

Far ripartire gli appalti per il 3° depuratore, molto importante per la qualità delle acque di balneazione e per eliminare le attuali problematiche igienico-sanitarie.

Completare l’interno del porto di Francavilla per renderlo effettivamente agibile e scegliere la soluzione di gestione più adatta e duratura. Altrettanto importante sarà completare la pista ciclabile e regolamentarla per evitare i problemi creati dalla convivenza tra biciclette e pedoni.

Come vede Francavilla al Mare tra 5 anni?

La vedo come una città ricca di opportunità per tutti, vocata al turismo di qualità con eventi e manifestazioni durante tutto l’anno, collegata ad altre realtà turistiche del territorio. Lavorerò per un turismo sostenibile che attiri grazie ad una pista ciclabile sul mare e delle nuove aree verdi, vero valore aggiunto per turisti e residenti.

Credo anche in un turismo culturale fondato su grandi eventi, un turismo sportivo legato a nuove grandi manifestazioni nazionali ed internazionali, un turismo enogastronomico che esalti le peculiarità del nostro territorio e le nostre specialità.

Soprattutto saranno turisti non solo di passaggio ma che potranno alloggiare a Francavilla.

Perché i cittadini dovrebbero votare proprio lei?

I cittadini devono votare quello che preferiscono in maniera molto democratica. Io ho deciso di candidarmi per dare il mio contributo alla città di Francavilla, e credo fortemente nel nostro gruppo, che coniuga una squadra giovane, piena di idee ed energia alla la mia consolidata esperienza amministrativa.

Quali sono le peculiarità dei candidati della sua lista?

La mia è una lista eterogenea che accoglie diverse competenze e professionalità. E’un mix tra persone con esperienza in campo amministrativo e l’entusiasmo dei più giovani. Ci sono donne intelligenti e preparate e tante persone già impegnate nel campo del sociale.

Che sogno ha per Francavilla al Mare?

Sogno di rendere Francavilla una città sostenibile, pulita ricca ed a misura di cittadino con meno traffico e meno barriere architettoniche. Sogno il miglioramento della viabilità e dei trasporti grazie al prolungamento della variante Anas fino ad Ortona ed il raddoppio del tratto esistente. Sogno la realizzazione della metropolitana leggera di collegamento e soprattutto sogno di vedere almeno partire il progetto di arretramento della ferrovia.

Uno dei temi di questa campagna elettorale riguarda la destagionalizzazione del turismo: in che modo si può raggiungere l'obiettivo?

La destagionalizzazione è una grande sfida che proveremo a vincere organizzando attività ed eventi durante i fine settimana dei mesi meno attrattivi per i turisti. Parlo di mostre, eventi culturali, sportivi ed attività di varia natura come quelli enogastronomici che hanno un forte richiamo specie verso i turisti di altre regioni e nazionalità. Sarà importante rientrare nei circuiti nazionali ed internazionali che, ci hanno visti in passato protagonisti come Le Città del Vino.

Francavilla e la cultura: quali sono le iniziative previste nel suo programma?

Il nuovo cenacolo della cultura francavillese sarà il Museo Michetti. Oltre al rilancio del premio Michetti vorrei riportare in auge il premio Cicognini ed il premio Russo per il giornalismo. Daremo sostegno alle iniziative che funzionano come Filosofia a mare e istituiremo concorsi dedicati a giovani talenti locali per dargli l’opportunità di emergere e offrirgli un trampolino di lancio per la scena nazionale ed internazionale.

Sport ed eventi: quali sono le idee per i prossimi 5 anni?

Vorrei partire subito con la progettazione, il finanziamento e la realizzazione di un nuovo Palasport con campi regolamentari che possa ospitare manifestazioni di rilievo e campionati ma anche semplicemente da mettere a disposizione delle società locali. Lavorare per portare a Francavilla sempre più manifestazioni di rilievo incrementando anche i posti letto delle strutture alberghiere ed extralberghiere per poter ospitare gli sportivi, lo staff ed il pubblico. Sosterrò le società sportive locali oltre che fornendo loro strutture adeguate anche con sostegni economici.

Aree periferiche e contrade: cosa prevede il suo programma in tal senso?

La prima cosa è ridare dignità a questi territori ed ai loro abitanti considerandoli e completando i servizi essenziali come fogne, gas, depurazione, pulizia, manutenzione strade. Realizzeremo strutture a sostegno delle famiglie come asili e asili nido in aree ora densamente popolate ma prive di questi servizi. Creeremo nuovi centri e nuovi campetti sportivi di quartiere per facilitare l’aggregazione giovanile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Francavilla al Mare, il candidato sindaco Roberto Angelucci: "Sogno una città sostenibile, pulita e a misura del cittadino"

ChietiToday è in caricamento