Quartiere Santa Barbara, Paolo De Cesare: "Incuria e abbandono da parte del Comune"

Il candidato alle prossime elezioni comunali fa sapere di aver incontrato i residenti della zona che hanno segnalato i disagi quotidiani

"In questi giorni, in compagnia dei candidati delle liste che sostengono la mia candidatura, ho continuato a visitare molti luoghi della città, per ascoltare i miei concittadini e raccogliere le loro istanze e le loro problematiche quotidiane, così da ampliare la nostra "agenda del fare" e renderla uno strumento di governo della città efficace, concreto e davvero risolutivo. A dirlo è il candidato sindaco Paolo De Cesare che, venerdì 28 ha incontrato i residenti del quartiere Santa Barbara. 

"I cittadini della zona - dice De Cesare -sono stufi dell'incuria imperante il cui emblema è la giungla di erba che invade la carreggiata stradale ed i marciapiedi causando pericoli per i guidatori, i quali devono anche fare i conti con un manto stradale dissestato in più punti, e disagi evidenti per i pedoni, specialmente se anziani o con difficoltà di deambulazione. Troppo spesso trovo davanti ai miei occhi situazioni di totale abbandono, frutto della scarsissima attenzione da parte dell'amministrazione comunale, colpevole di aver lasciato regredire numerose zone ed altrettanti quartieri, senza rivolgere alcuna politica programmata di manutenzione ordinaria sia stradale che del verde. Inoltre, la totale assenza di dissuasori su alcuni tratti stradali dove gli automobilisti sono soliti avere velocità di percorrenza elevate, parimenti alla scarsa visibilità nei tratti in curva determinata dalla vegetazione che si riversa sul manto, crea una condizione perenne di pericolo".

Poi l'attenzione si sposta sull'ex ospedale San Camillo: "Non ci sono giustificazioni che tengano, a maggior ragione il rimpallo di responsabilità verso enti competenti o superiori, ma solo l'attestazione senza mezzi termini del fallimento della giunta uscente, incapace di individuare, sempre di concerto ed attraverso la sollecitazione pressante e costante della Asl, soluzioni vere per questo scempio a cielo aperto".

Poi l'attacco ai candidati Di Stefano e Di Iorio. "A tal proposito sarei curioso di sapere come può il candidato Di Stefano pensare di cambiare in meglio una città attraverso chi non ha fatto altro che affossarla nel corso degli anni, e mi riferisco ai membri dell'esecutivo e della maggioranza attuali, quasi tutti candidati nelle liste che lo sostengono. Nel caso specifico del San Camillo, devo registrare la mancanza di concretezza anche da parte di Mauro Febbo, attualmente membro della Giunta Abruzzese, dunque nelle condizioni istituzionali opportune per attenzionare una criticità così evidente e risolverla, dal momento che l'Azienda Sanitaria è di competenza regionale. Per questo motivo non vedo come anche il candidato sindaco Di Iorio, sostenuto, tra gli altri, da Febbo, possa proporre scenari diversi da quelli attuali per la città. Invito pertanto tutti i cittadini, non solo gli abitanti di Santa Barbara, a guardare la realtà attraverso le immagini scandalose dell'incuria e dell'abbandono dei quartieri in cui vivono, per comprendere che non è più possibile assecondare la continuità, c'è assoluto bisogno di cambiamento, quello che porterà in dote il nostro progetto civico, l'unico vero per la città, l'unico capace di far tornare la vita a Chieti".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: 705 nuovi contagi e 10 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento