Paolo De Cesare all'attacco: "Il vero candidato del centrosinistra è Bruno Di Iorio"

Il candidato sindaco critica la coalizione sostenuta da Alessandro Marzoli e Mauro Febbo e rivendica l'originalità della sua proposta

"Considerando il sostegno di gran parte del Partito Democratico e di Italia Viva, posso tranquillamente affermare che il vero candidato del centrosinistra sia Bruno Di Iorio, con buona pace di Mauro Febbo, uomo notoriamente e palesemente di destra, il quale per rinnovare il governo della città targato Di Primio potrà contare su Francesco Ricci, sindaco di uno dei quinquenni più infelici della città".

Paolo De Cesare traccia un'analisi impietosa della situazione del centrosinistra e critica la coalizione a sostegno del candidato sindaco Bruno Di Iorio.

"Innanzitutto esprimo solidarietà nei confronti del Dottor Ferrara, il quale ha il mio apprezzamento incondizionato dal punto di vista umano. Inoltre ritengo questa sia l'ulteriore dimostrazione del fatto che quella di Di Iorio non può essere assolutamente definita una coalizione civica, dal momento che è stata voluta ed oggi raccoglie il sostegno pubblico di uomini con incarichi di partito ed un percorso politico ben definito e spesso contrapposto, addirittura agli antipodi".

De Cesare non accetta l'utilizzo del termine "civismo" legato alla coalizione formata da Alessandro Marzoli e Mauro Febbo. "La discontinuità non può limitarsi all'inserimento di una parola sui manifesti elettorali già affissi sui muri - spiega De Cesare - l'alternativa non può essere rappresentata anche visivamente da simboli di partito personalizzati semplicemente con i colori ed il nome della città.  Ancor più singolare constatare che entrambi, Febbo e Ricci, si ritrovino insieme per lotte intestine, rancori e liti interne alle proprie coalizioni ed ai propri partiti di provenienza, e non per convergenza di programmi e progettualità per il rilancio del territorio: il comun denominatore è la ricerca della vittoria alle elezioni che, seppur sia una aspirazione più che legittima, nulla ha a che fare con il rinnovamento e la discontinuità. L'unica vera novità  e che novità - conclude De Cesare -  sarà vedere Ricci e Febbo fare campagna elettorale insieme. In questo contesto rivendico con orgoglio l'originalità del nostro progetto civico, che non è una convenzione elettorale e non ha nè padrini nè padroni. Noi siamo il vero rinnovamento e la vera discontinuità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento