Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ferrara mette da parte il fair play: "Non sono il burattino di nessuno! Con De Cesare alleanza naturale e coerente" - VIDEO

Siglato l'apparentamento ufficiale che sancisce il sostegno di Paolo De Cesare al candidato del centrosinistra Diego Ferrara. Che ora valuta di agire per vie legali contro Di Stefano

 

È stata presentata questa mattina nel comitato del candidato sindaco del centrosinistra in corso Marrucino la nuova alleanza tra Diego Ferrara che sfiderà Fabrizio Di Stefano al ballottaggio i prossimi 4 e 5 ottobre e Paolo De Cesare, candidato civico che ha ottenuto il 12,75% al primo turno.

Un apparentamento sottoscritto per avviare una fase di "rinnovamento per il bene della nostra città e mandare a casa chi ha mal governato in questi anni. Il nostro obiettivo - ha detto Ferrara - è rinnovare la classe politica".

Ferrara è apparso particolarmente infastidito dalle ultime dichiarazioni di Fabrizio Di Stefano che ha definito il candidato del centrosinistra "solo una controfigura" indicando nel senatore Luciano D'Alfonso il suo vero avversario.

"Non conosco D'Alfonso se non di nome - ha tuonato Ferrara - non solo il burattino di nessuno. Sto valutando di muovermi per vie legali contro Di Stefano che non deve permettersi di infangare la mia persona".

Sul quasi accordo con le liste di Bruno Di Iorio (tranne Forza Chieti) il candidato sindaco spiega che "sabato sera avevamo una bozza di intesa poi, dopo una notte insonne passata a riflettere, ho deciso di non togliere spazio a chi mi ha sostenuto fin dall'inizio. Lascio comunque - ha concluso Ferrara - la porta aperta a tutti".  

Per De Cesare il candidato Ferrara sarà "un sindaco galantuomo simbolo del cambiamento. Entrambi abbiamo ricevuto più voti delle liste che ci sostengono. La gente di Chieti vuole noi".

Su Di Stefano il giovane imprenditore dice "mi ha cercato con insistenza, ma non posso riaffidare la città a chi l'ha piegata".

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento