rotate-mobile
Elezioni comunali 2020

Nodo centrodestra a Chieti, Febbo: "Di Stefano? Era meglio fare le primarie"

L'assessore regionale dopo la visita di Salvini torna a parlare della mancata unità nel centrodestra teatino

Dopo le parole di Matteo Salvini, che ieri a Chieti ha ribadito che il candidato sindaco alle amministrative di Chieti deve essere il leghista Fabrizio Di Stefano, l'assessore regionale Mauro Febbo di Forza Italia torna a parlare della mancata unità nel centrodestra teatino.

"Se qualcuno mi avesse dato retta due mesi fa, quando dissi che si sarebbero potute fare le primarie l'ultima domenica di febbraio o la prima di marzo, oggi avremmo un candidato unitario nel centrodestra – sostiene - e potremmo essere già in campagna elettorale e puntare a vincere questa competizione elettorale con l'80%, considerando le condizioni in cui si trova il centrosinistra a Chieti”.

Inevitabili le complicazioni per la fazione politica dove in questi giorni stanno spuntando vari nomi di candidati dai partiti di centrodestra. “Qualcuno vuole seguire altre strade e mi pare che i candidati non siano più uno o due, ma siano diversi. Attendiamo gli esiti, ma questa attesa non giova al centrodestra” conclude Mauro Febbo il quale, nonostante tutto, si è detto fiducioso.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nodo centrodestra a Chieti, Febbo: "Di Stefano? Era meglio fare le primarie"

ChietiToday è in caricamento