"Di Stefano non può usare il simbolo di Forza Italia": esposto al prefetto e alla Digos

A presentarlo i candidati della lista Forza Chieti che raggruppa diversi consiglieri comunali del partito di Berlusconi

Dopo l'invito del candidato sindaco Bruno Di Iorio a togliere il simbolo di Forza Italia dai manifesti del candidato del centrodestra Fabrizio Di Stefano "per non generare una pubblicità ingannevole nei confronti degli elettori", scatta l'esposto al prefetto di Chieti e alla Digos.

A presentarlo, questa mattina, i candidati al Consiglio comunale per la lista “Forza Chieti” Emiliano Vitale, Maura Micomonaco, Stefano Costa e Marco D'Ingiullo che accusano il candidato sindaco Fabrizio Di Stefano di aver utilizzato impropriamente nei suoi manifesti il simbolo di Forza Italia "nonostante non sia stato firmato nessun accordo elettorale, il simbolo del movimento politico non sia stato depositato al momento della presentazione delle liste e di conseguenza non risulta sia stato autorizzato l’utilizzo e il deposito in favore dello stesso Di Stefano".

Adesso prefettura e uffici della Digos potranno disporre accertamenti, volti a valutare eventuali profili d'illiceità o illegittimità e, nel caso, prendere provvedimenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Riteniamo scorretto – dichiarano i sostenitori di Bruno Di Iorio – che Di Stefano stia utilizzando, per le proprie attività elettorali, il simbolo e la denominazione del contrassegno Forza Italia che fa bella mostra su manifesti e materiali promozionali. Di Stefano non può continuare a sostenere che al suo fianco ci sia il centrodestra compatto perché non è affatto così e gli atti lo dimostrano in modo inequivocabile, peraltro ci sono liste civiche riconducibili a personaggi politici che nelle scorse comunali e nelle recenti regionali hanno corso per il centrosinistra. E continuando a parlare anche a nome di Forza Italia e dei suoi rappresentati commette una scorrettezza clamorosa. Ci auguriamo - concludono i candidati di Forza Chieti - che siano attuati urgentemente provvedimenti di censura da parte degli organi competenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: oggi in Abruzzo 11 nuovi casi, 3 persone in terapia intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento