Di Stefano replica ai forzisti: "Loro corrono sotto un logo chiaramente mistificatore"

Il candidato sindaco del centrodestra replica ai consiglieri che questa mattina hanno presentato un esposto in prefettura e alla Digos

Dopo la notizia dell'esposto presentato dai candidati al Consiglio comunale per la lista “Forza Chieti” contro l'utilizzo del simbolo di Forza Italia nei manifesti del candidato sindaco Fabrizio Di Stefano, arriva la replica di quest'ultimo.

"È esilarante - commenta Di Stefano - che quattro soggetti che neanche un mese fa hanno disconosciuto il Partito di Forza Italia, oggi si ergono a parte lesa per l’utilizzo del 'proprio simbolo' e a proposito di simbolo il plagio potrebbe essere il loro visto che corrono sotto un logo chiaramente mistificatore. Mi piacerebbe ricordare loro che il 20 settembre è vicino e se oltre alle invettive, volessero parlare di progetti: forse sarebbe più interessante, non per il sottoscritto, ma per la città".

La notizia della presentazione dell'esposto al prefetto di Chieti e agli uffici della Digos è stata data dai candidati di “Forza Chieti” Emiliano Vitale, Maura Micomonaco, Stefano Costa e Marco D'Ingiullo.

Per Di Stefano "sarebbe stato molto meglio per loro rimanere in silenzio, in quanto con questa accusa non hanno fatto altro che dimostrare una enorme ignoranza, nel senso etimologico della parola, cioè dimostrando - conclude - di ignorare i rudimenti del diritto, e quindi la reale legittimazione a farmi questo esposto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento