Le donne protagoniste nella Chieti di Ferrara e il Pd punta all'assessorato "alle Opportunità"

Pari condizioni per tutti i cittadini e uno sportello "rosa", per il coordinamento delle segnalazioni dei vari problemi cittadini e la raccolta di soluzione proposte dalle cittadine

Le pari opportunità al centro del programma del candidato sindaco di centrosinistra, Diego Ferrara, che assicura: "Le donne saranno coinvolte attivamente nella progettazione della nuova Chieti". 

Così, ieri, nel corso della conferenza stampa organizzata dal Partito Democratico "Chieti genere e generazione. Il buon governo delle donne", a cui hanno partecipato la candidata Chiara Zappalorto, già capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale, la vice sindaca di Francavilla al Mare Francesca Buttari e quella di Spoltore, Chiara Trulli, introdotte dal consigliere comunale Alessio Di Iorio.

La visione della "Chieti del domani", nel progetto del Pd, "dovrà avere nelle donne un traino e un motore determinanti".

Per Ferrara, "la pari opportunità, per quel che mi riguarda e per il modo come intendo agire politicamente, è un dato di fatto talmente assodato, che mi meraviglia quando se ne parla ancora come un obiettivo ancora da raggiungere. Nella mia coalizione elettorale ho tantissime donne candidate e soprattutto tantissime giovani, studentesse, professioniste, operaie, commercianti, madri di famiglia. Una nutrita rappresentanza di donne che, una volta diventato sindaco, saranno coinvolte attivamente nella progettazione della nuova Chieti", ha spiegato il candidato sindaco.

Tra gli obiettivi dichiarati del Partito Democratico, c'è quello di creare "una città dinamica, moderna, europea e, soprattutto, a dimensione di donna". Nel dettaglio, tra le proposte ci sono la promozione di progetti di pari opportunità nelle scuole cittadine, per sensibilizzare le nuove generazioni, e la creazione di uno “sportello rosa”, fisico o virtuale, per il coordinamento delle segnalazioni dei vari problemi cittadini e la raccolta di soluzione proposte dalle stesse nostre concittadine. 

"La città che immaginiamo è una città che mette tutti quanti nelle stesse condizioni e che mette le pari opportunità al centro del proprio agire e della propria azione", spiega la candidata Zappalorto.

"Nella Chieti di domani, il contributo delle donne è fondamentale e nei prossimi 5 anni lavoreremo a una visione più ampia. Costruendo un’adeguata rete di servizi alle persone, con un occhio in più rivolto alle donne che vivono in una situazione di svantaggio soprattutto adesso dopo il lockdown, avremo come obiettivo finale l’istituzione di un assessorato alle Opportunità. Non alle Pari Opportunità, bensì alle Opportunità per tutti. La Chieti ideale, quella che vogliamo costruire insieme, è una città nella quale i servizi assicurati a tutti i cittadini, senza distinzione di genere, sono in equilibrio e non sbilanciati. Renderemo quindi la città più fruibile e più vivibile per tutti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento