Di Stefano non partecipa all'incontro con il Comitato cittadino: "Impegni sovrapposti, condivido il documento proposto"

Il candidato del centrodestra ha inviato una lettera al portavoce Perrotti per scusarsi della defezione, invitando a un ulteriore confronto

Non ha potuto partecipare all'incontro organizzato ieri dal Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti e, per questo, il candidato sindaco del centrodestra, Fabrizio Di Stefano, ha inviato una lettera al portavoce Giampiero Perrotti, per spiegare le ragioni della sue defezione, dovuta unicamente a una sovrapposizione di impegni. 

"L'evento precedente, che vedeva la presenza del presidente della Regione Marco Marsilio - spiega nella missiva - ha avuto uno slittamento di un’ora, proprio per il ritardo con cui il presidente, trattenuto da precedenti impegni, è arrivato a Chieti. Successivamente, alle 19.45 è arrivata in città l’assessore alla Salute Verì, per un incontro specifico sul tema sanitario".

"Era la prima volta che ufficialmente, in piazza, il presidente veniva in città; e capirà - aggiunge - che per me non era possibile essere assente, in quanto la Regione è l’interlocutore privilegiato per ogni Comune, ancora di più per la Chieti che io immagino, in quanto intendo che il rilancio di Chieti debba puntare sulla valorizzazione del suo polo ospedaliero-universitario, che come ben sa è di pertinenza prettamente regionale, e lo sviluppo della sua vocazione turistico-culturale. Punto, tra l’altro condiviso con la sua persona. Un presidente di Regione che diventa quindi interlocutore privilegiato ed è dunque per noi fondamentale, tanto più che, in questo momento, la città non mi sembra affatto ben rappresentata e tutelata all’interno del governo regionale".

"Mi è dispiaciuto particolarmente non poter essere presente - aggiunge Di Stefano - perché avrei voluto ripetere di fronte ad una più vasta platea quello che vi ho illustrato allorquando avete raccolto il mio invito ad incontrarmi presso il mio comitato elettorale. Avrei inoltre voluto dirvi che, in linea generale, condivido il documento da voi proposto, e mi avrebbe fatto piacere sviscerarlo maggiormente in un confronto, non tanto con gli altri candidati, quanto con l’interessante platea che lei aveva messo a disposizione. Come ben sa, è mia intenzione ripristinare e rafforzare il ruolo della consulta, e pertanto avremo molti momenti di confronto, su questi e altri analoghi temi, ma sono disponibile, anche prima del voto, a rivederci con le vostre delegazioni per approfondire le tematiche in questione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento