De Cesare inaugura la sede elettorale dello Scalo: "Serve un piano di rilancio dell'economia"

La sede di via Scaraviglia è la seconda del più giovane candidato sindaco, che ne ha voluta anche una in centro storico

Taglio del nastro anche per il secondo comitato del candidato sindaco Paolo De Cesare, a Chieti Scalo, in via Scaraviglia 4. Una scelta voluta per mostrare vicinanza a entrambe le anime della città, il centro, dove la sede elettorale è in via Spaventa, e la parte bassa.

"Chieti Scalo - dice De Cesare - merita attenzione e considerazione, a partire da un piano di rilancio dell'economia dal punto di vista commerciale e industriale, i cui benefici si rifletteranno sull'intero territorio comunale. Anche per questo ho deciso, lo scorso febbraio, di presentare la mia candidatura proprio da qui, per dare da subito un segnale concreto di rinnovamento, un processo che si genera attraverso il dialogo con i cittadini, ragion per cui i miei comitati sono delle vere e proprio case dell'ascolto. Chieti Scalo deve, e non solo a chiacchiere, avere il proprio distretto sanitario, parimenti rivestire il ruolo di protagonista di un processo di reindustrializzazione che punti sull'istituzione di una no tax area e sull'attrazione delle startup innovative e tradizionali, nel rispetto dell'ambiente e dell'esistente, prediligendo la riconversione e la riqualificazione dell'esistente,  così da creare nuova occupazione".

Nel programma del più giovane candidato sindaco di questa tornata elettorale, ci sono parcheggi a servizio di università e ospedale e progetti di mobilità sostenibile, soprattutto verso la parte alta e gli altri quartieri della città.  

"Pensiamo a Teate come Capitale della Cultura e non solo - aggiunge - con un un vasto cartellone di eventi e manifestazioni culturali, artistici e sportivi organici, ciclici e riconoscibili. che copra pressoché l'intero calendario, la creazione di un infopoint turistico-culturale, la sottoscrizione di accordi con i maggiori tour operator nazionali ed internazionali per l'elaborazione di slot turistici multitarget".

Infine, De Cesare pensa a far diventare Chieti una "Smart City accessibile e facile da raggiungere, ecosostenibile ed ecoresponsabile, innovativa nell'utilizzo di automazione e tecnologia per facilitare e performare i servizi alla collettività, i rapporti tra i cittadini ed il Comune ma anche per creare percorsi formativi ai non occupati e, di concerto con l'Università e con le scuole secondarie di secondo grado, processi intelligenti di alternanza scuola lavoro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento