menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

D'Eramo (Lega) contro Mauro Febbo (che sostiene Di Iorio): "Devi dimetterti da assessore regionale"

Nel centrodestra non si placa lo scontro tra i leghisti e l'assessore autosospesosi da Forza Italia per sostenere Di Iorio insieme a Italia Viva

Scontro totale tra il deputato e segretario regionale della Lega, Luigi D’Eramo, e l’assessore regionale di Forza Italia Mauro Febbo. Il "ring" è il social network Facebook:  a innescare la miccia è stata la decisione di Febbo di appoggiare a Chieti il candidato sindaco civico Bruno Di Iorio, dissociandosi dalla posizione ufficiale di Forza Italia che sostiene il candidato della Lega, e del centrodestra, Fabrizio Di Stefano.

Dopo la critiche da parte di Febbo indirizzate all'ultima visita di Matteo Salvini in città  accusato di "venire a Chieti a fare passerelle” è arrivata una dura replica di Luigi D'Eramo (sul suo profilo): “Tradire la coalizione di cdx è un atto di vigliaccheria politica. Attaccare il leader del maggior partito italiano alleato al tuo denota confusione e rabbia. A Chieti vincerà Fabrizio Di Stefano e tu sarai relegato all’opposizione dell’opposizione. Ti ricordo come uomo coerente e la coerenza in politica è tutto: dimettiti”.

A quel punto si è scatenato il botta e risposta. Febbo ha scritto: “Intanto prima di commentare bisognerebbe leggere cosa c’è scritto nel comunicato e da chi è firmato il comunicato. Magari faresti bene a ricordare cosa hai fatto nel 2012 tu a L’Aquila. Per il resto preferisco non commentare, e ce la vedremo al ballottaggio”.

D'Eramo ha replicato: “Ci vediamo prima del ballottaggio. Nel 2012  insieme all’amico Giorgio De Matteis ed insieme a tutto il centrodestra abbiamo costituito la vera coalizione del centrodestra, perché il tuo partito e tu avevate scelto per L’Aquila un candidato sindaco di sinistra! Questo è accaduto nel 2012”. “Devi essere innamorato della sinistra perché quest’anno a Chieti stai con Matteo Renzi e Giovanni Legnini, giusto?”.

Infine Febbo ha di nuovo postato: “Ma lascia perdere – replica Febbo – conosci benissimo, perché ne abbiamo parlato nei diversi incontri nei tavoli regionali, le motivazioni della mia collocazione con liste civiche. Starei più attento nei pronostici e soprattutto in certe valutazione. E poi guarda chi avete “caricato” prima di dare giudizi”. “Voi piuttosto togliete il simbolo di Forza Italia, che non vi sostiene quindi non siete il centrodestra”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento