Comunali 2020, Carbone (Azione): "Prima il nome del candidato sindaco, poi l'alleanza"

L'esponente del partito di Calenda ha partecipato alla riunione della coalizione di centrosinistra, ma chiarisce che prima vanno fatti i nomi

Nei giorni scorsi, aveva partecipato alla prima riunione di quella che si è definita "coalizione democratica, progressista e civica", una forza formata da molte anime che si contrappone al centrodestra in vista delle elezioni comunali a Chieti. E, oggi, Alessandro Carbone di Azione, già consigliere comunale e coordinatore provinciale di Fli, rivendica la validità del progetto. 

Con Azione, il partito di Carlo Calenda, venerdì scorso si sono riuniti Pd, Articolo 1, Sinistra Italiana, e formazioni civiche, Chieti.Da capo e Chieti per Chieti. Insomma, quasi tutte le formazioni che oggi siedono nell'opposizione, esclusi Movimento 5 stelle e Giustizia Sociale. 

Oggi, però Carbone, lancia un appello chiaro alle altre politiche: "Prima sarà necessaria la condivisione sul candidato sindaco , poi potrà esserci l'accordo di coalizione e non viceversa". Insomma, nessuna alleanza, senza nomi. 

L'esponente di Azione auspica un candidato che sia "espressione di netta discontinuità con il passato, e dovrà rappresentare soprattutto  le nuove generazioni se vogliamo far rinascere Chieti. Non è più tempo di scherzare, soprattutto se vogliamo scongiurare la minaccia che il vento dell’antipolitica, del populismo e del sovranismo soffi così forte da spazzare via tutto e tutti. Oggi chi amministrerà o si candiderà ad amministrare Chieti dovrà avere la consapevolezza che sarà ancora più difficile farlo, alla luce della crisi internazionale, nazionale e locale". 

"Non è più tempo di promettere opere faraoniche e giocare sulla disperazione degli individui - incalza - soltanto per accaparrarsi margini di consensi. Oggi più che mai, un buon sindaco dovrà incarnare i valori del territorio, dovrà sapere ascoltare e coinvolgere cittadini, attori sociali ed economici, al fine di poter dare delle risposte concrete ed efficaci e non dettate soltanto da scopi elettorali, con effetti che si esauriscono in breve tempo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre i punti fermi nel progetto di Azione: puntare sulle nuove generazioni e far tornare a Chieti i giovani che sono andati via; coinvolgere i professionisti su progetti che riguardino la città; unire lo Scalo alla parte alta "creando una cabina di regia con associazioni di categoria, tessuto imprenditoriale e sindacati per favorire al massimo zone Tax Free e lavorare per rendere subito operativa la Zes (Zona economica speciale) accelerandone il processo, così da attrarre investimenti extra territoriali attraverso incentivi, agevolazioni e deroghe normative". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento