menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comunali 2020, Carbone (Azione): "Prima il nome del candidato sindaco, poi l'alleanza"

L'esponente del partito di Calenda ha partecipato alla riunione della coalizione di centrosinistra, ma chiarisce che prima vanno fatti i nomi

Nei giorni scorsi, aveva partecipato alla prima riunione di quella che si è definita "coalizione democratica, progressista e civica", una forza formata da molte anime che si contrappone al centrodestra in vista delle elezioni comunali a Chieti. E, oggi, Alessandro Carbone di Azione, già consigliere comunale e coordinatore provinciale di Fli, rivendica la validità del progetto. 

Con Azione, il partito di Carlo Calenda, venerdì scorso si sono riuniti Pd, Articolo 1, Sinistra Italiana, e formazioni civiche, Chieti.Da capo e Chieti per Chieti. Insomma, quasi tutte le formazioni che oggi siedono nell'opposizione, esclusi Movimento 5 stelle e Giustizia Sociale. 

Oggi, però Carbone, lancia un appello chiaro alle altre politiche: "Prima sarà necessaria la condivisione sul candidato sindaco , poi potrà esserci l'accordo di coalizione e non viceversa". Insomma, nessuna alleanza, senza nomi. 

L'esponente di Azione auspica un candidato che sia "espressione di netta discontinuità con il passato, e dovrà rappresentare soprattutto  le nuove generazioni se vogliamo far rinascere Chieti. Non è più tempo di scherzare, soprattutto se vogliamo scongiurare la minaccia che il vento dell’antipolitica, del populismo e del sovranismo soffi così forte da spazzare via tutto e tutti. Oggi chi amministrerà o si candiderà ad amministrare Chieti dovrà avere la consapevolezza che sarà ancora più difficile farlo, alla luce della crisi internazionale, nazionale e locale". 

"Non è più tempo di promettere opere faraoniche e giocare sulla disperazione degli individui - incalza - soltanto per accaparrarsi margini di consensi. Oggi più che mai, un buon sindaco dovrà incarnare i valori del territorio, dovrà sapere ascoltare e coinvolgere cittadini, attori sociali ed economici, al fine di poter dare delle risposte concrete ed efficaci e non dettate soltanto da scopi elettorali, con effetti che si esauriscono in breve tempo".

Tre i punti fermi nel progetto di Azione: puntare sulle nuove generazioni e far tornare a Chieti i giovani che sono andati via; coinvolgere i professionisti su progetti che riguardino la città; unire lo Scalo alla parte alta "creando una cabina di regia con associazioni di categoria, tessuto imprenditoriale e sindacati per favorire al massimo zone Tax Free e lavorare per rendere subito operativa la Zes (Zona economica speciale) accelerandone il processo, così da attrarre investimenti extra territoriali attraverso incentivi, agevolazioni e deroghe normative". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento