Discarica in contrada Capocroce a Vacri, il sindaco: “Tempi brevissimi per la messa in sicurezza”

Antonio D'Aristotile interviene sul tema della discarica in contrada per illustrare il progetto di messa in sicurezza della discarica, prima in lista per rischio potenziale fra quelle indicate all'inizio del mese di marzo 2014 nella graduatoria stilata dalla Regione Abruzzo

Antonio D'Aristotile, sindaco del comune di Vacri e candidato al Consiglio regionale con il Centro democratico, è intervenuto venerdì sera sul tema della discarica in contrada  per illustrare il progetto di messa in sicurezza della discarica.

La discarica è la prima in lista per rischio potenziale fra quelle indicate all'inizio del mese di marzo 2014 nella graduatoria stilata dalla Regione Abruzzo e pubblicata sul Bura-Bollettino ufficiale Regione Abruzzo. Prima fra le centocinquanta censite, il che ha creato e crea non pochi allarmismi fra la popolazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La discarica di Capocroce - ha commenta Antonio - è stata attiva dal 1985 al 1998. Vi è stato riversato di tutto, senza differenziazione alcuna. Nel 2007, in base alla legge regionale n. 45/2007, è stato avviato il lungo procedimento volto a valutare il grado di inquinamento del sito, risultato tale, con anche la presenza certificata di elementi quali magnesio e arsenico. L'attuale amministrazione comunale, in carica dal 2004, non ha mai riversato nulla in quella discarica - aggiunge - ci siamo attivati da subito per affrontarne la pericolosità seguendo tutte le indicazioni della Regione. Oggi il piano di bonifica è approvato nella sua fase definitiva. Sono state acquisite la maggior parte delle autorizzazioni previste per la sua messa in sicurezza, fornite dalla Regione e dall'Arta-Agenzia regionale per la tutela dell'ambiente. Tuttavia manca ancora l'autorizzazione da parte dell'Autorità di bacino inerente al Psda-Piano stralcio difesa alluvioni. Ricevuta questa, provvederemo in tempi brevissimi ad approvare la fase esecutiva per la messa in sicurezza del sito, per la tranquillità dei cittadini, che sono stati rassicurati nel corso dell'incontro di ieri sera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un'intera famiglia contagiata a Lanciano: hanno partecipato al funerale a Campobasso

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

Torna su
ChietiToday è in caricamento