Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Disagi vaccini a Chieti, il Movimento 5 Stelle attacca: "Destituire il direttore generale della Asl"

Scontro totale tra partiti, Comune e Asl sul centro vaccinale nel capoluogo teatino

La consigliera regionale Barbara Stella e il consigliere comunale Luca Amicone, esponenti del Movimento 5 Stelle, intervengono sulla polemica che si è innescata tra il sindaco di Chieti, Diego Ferrara e il direttore generale della Asl 2, Thomas Schael sui disagi per i cittadini nella sede vaccinale del PalaUda.

“Rimango stupita e allibita dalle parole del direttore generale - dice Stella - che ancora una volta cerca di scaricare le proprie responsabilità su altri. Per mesi ho invitato lo stesso dg ad attivare nuovi punti vaccinali, a causa delle lunghe code al PalaUda e presso l’ospedale vecchio nella parte alta della città, ricevendo da parte sua un diniego ingiustificato affermando che i centri attivati erano sufficienti. Ora, dopo mesi di una campagna vaccinale anti-covid fallimentare sul piano organizzativo, si è ricordato di attivare nuove postazioni”.

Per Stella “questo continuo scarica barile è inaccetabile e deve finire, il manager faccia il manager e non il politico. Il pessimo lavoro del DG Schael è sotto gli occhi di tutti: basti pensare ai ritardi per l’indizione della gara dei macchinari della Radioterapia oncologica di Chieti, con gravi ripercussioni sui pazienti stessi. E il Distretto sanitario di Chieti Scalo? Oramai è evidente che la volontà fosse quella di chiuderlo, eliminando un servizio fondamentale e strategico. Diversamente è palese l’incapacità di un manager che chiude un servizio senza avere un piano per riaprirlo celermente; ricordo che sono passati già due anni dalla chiusura del distretto in via Delitio. La giunta a guida Marsilio farebbe meglio a mettere riparo alla questione destituendo il manager trentino prima che i cittadini abruzzesi possano essere ancora vittime di ulteriori disagi”.

Sulla stessa linea di quanto dichiarato dalla consigliera è il consigliere comunale, Luca Amicone. “Prima la chiusura del distretto sanitario, adesso il centro vaccinale - sottolinea Amicone - praticamente Schael non ne azzecca una. Il manager dovrebbe essere colui che facilita la realizzazione di progetti, creando le condizioni per lavorare insieme con tutti gli enti coinvolti; ma è ormai risaputo che lui sia poco collaborativo e questo è confermato, non solo dalla parte politica, ma anche da parte di medici, operatori di settore e associazioni che spesso si trovano di fronte al più totale silenzio da parte del Dg”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disagi vaccini a Chieti, il Movimento 5 Stelle attacca: "Destituire il direttore generale della Asl"

ChietiToday è in caricamento