Disagi gastroenterologia ed endoscopia a Lanciano, il caso in Consiglio regionale

Il vicepresidente della commissione sanità ha depositato un'interpellanza per fare chiarezza una volta per tutte

“La mancanza di risposte, da parte della giunta regionale e di tutto il centrodestra, riguardo alle gravi difficoltà che si vivono, ogni giorno, all'interno della UOSD di gastroenterologia ed endoscopia interventistica di Lanciano, non sono più accettabili. Ogni giorno all'interno di questo reparto gli operatori sanitari e gli utenti sono costretti a convivere con problematiche strutturali, strumentazioni vecchie e carenza di personale, ed è dovere di chi amministra la Regione, in particolare dell'assessore alla Sanità Nicoletta Verì, dare risposte concrete". Lo afferma il vicepresidente della Commissione Sanità in quota M5S Francesco Taglieri, che ha depositato un'interpellanza in Consiglio regionale per fare chiarezza una volta per tutte.

"Il reparto è un fiore all'occhiello della sanità locale - ricorda - con circa 9000 prestazioni all'anno tra cui 4000 ecografie e 3000 endoscopie, con un ambulatorio che è centro di riferimento per la celiachia, ed è uno dei due centri nella ASL 02 in grado di eseguire biopsie epatiche ecoguidate, erogando servizi di ambulatorio a circa 100 pazienti MICI (Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali)”.

Ma le gravi carenze infrastrutturali e di strumentazione stanno condizionando le attività di endoscopia interventistica e gastroenterologia del Renzetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quando la Regione Abruzzo intenderà adottare le misure necessarie a colmare queste criticità evidenti, riqualificando un reparto essenziale per la sanità territoriale vista l'enorme mole di prestazioni offerte" si chiede Taglieri, che aggiunge: "Voglio anche sapere quando sarà indetto il concorso per il primario e quali garanzie saranno date sul proseguimento del lavoro all'interno della UOSD, vista la carenza di personale. Il centrodestra - chiude -  adesso non potrà più nascondersi e dovrà dare le proprie spiegazioni ai cittadini abruzzesi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento