Politica

Crisi in Comune, si lavora per ricucire lo strappo. D'Ingiullo (Forza Italia): "C'è volontà da parte di tutti"

Questa mattina si è tenuto l'incontro per discutere dei fondi che verranno destinati al teatro Marrucino

Si è tenuto questa mattina un tavolo politico per cercare diricucire lo strappo tra i consiglieri di maggioranza "ribelli" e l'amministrazione comunale. Dopo le dimissioni del sindaco Di Primio a seguito del rifiuto di votare il bilancio preventivo da parte di cinque consiglieri di Forza Italia e due dell' Udc, la situazione oggi sembra assai più distesa.

"Stiamo lavorando per portare a compimento tutte le nostre richieste, da parte dell’amministrazione comunale ho percepito piena disponibilità". Così ha commentato il capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia, Marco D’Ingiullo al termine dell'incontro in cui si è parlato in particolare dei fondi da destinare al teatro Marrucino. Al tavolo, oltre allo stesso D’Ingiullo, hanno partecipato il vice sindaco, Giuseppe Giampietro, il segretario generale del Comune, Celestina Labbadia, l’assessore allo Sport Antonio Viola, l’assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, l’assessore alle Politiche della Casa, Maria Rita Salute e il Direttore Amministrativo del Teatro Marrucino, Cesare Di Martino. "Un incontro costruttivo – lo ha definito D’Ingiullo – nel quale si è parlato dello stanziamento di maggiori fondi da destinare al Teatro Marrucino. Un tema che ci è particolarmente a cuore e che rappresenta una delle nostre cinque richieste nei confronti dell’amministrazione. Il vice sindaco Giampietro insieme agli altri rappresentanti dell’Ente – ha aggiunto - mi hanno dato piena disponibilità affinchè si arrivi a un esito positivo della questione. Abbiamo già fissato due incontri chiave per il 3 e 5 luglio prossimi nei quali assieme ai dirigenti e agli assessori competenti riusciremo a concretizzare il tutto. Resta comunque in bilico la questione Di Biase che verrà discussa su altri tavoli politici". 

A dirsi "fiducioso per l'esito positivo" si è detto anche Marco Russo (Udc) che sta lavorando assieme al vice sindaco per "evitare il commissariamento".

Su Teateservizi, invece, tutto rimandato alle 10 di giovedì mattina. Un altro incontro che sarà decisivo per il futuro dell'amministrazione comunale dopo le dimissioni del sindaco (revocabili) dello scorso scorso 17 giugno. Teateservizi che nei prossimi giorni avrà un nuovo amministratore unico: venerdì 28 giugno, alle 12, scade il termine per la candidatura alla carica. Lo stesso giorno è convocato il consiglio comunale per votare sul bilancio ma con ogni probabilità l’appuntamento slitterà in seconda convocazione, al 2 luglio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in Comune, si lavora per ricucire lo strappo. D'Ingiullo (Forza Italia): "C'è volontà da parte di tutti"

ChietiToday è in caricamento