menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'incontro venerdì in piazza Malta

l'incontro venerdì in piazza Malta

Un anno di Di Primio, Zappalorto: "A Chieti va in onda un film"

Il capogruppo in Consiglio comunale del Pd commenta l'operato del sindaco dopo la serata con la proiezione del cortometraggio in piazza Malta

"Il film sui 12 mesi del Di Primio bis è stato ampiamente censurato in alcuni rilevanti capitoli, quelli da pellicola horror. Le preoccupazioni che scatena nei revisori il bilancio del Comune, i cittadini costretti a vivere con l'ansia di percorrere le strade 'groviera' della città, la delusione di tanti giovani che hanno visto sparire uno dei festival artistici più apprezzati del periodo di Ferragosto, un cinema chiuso da anni, sono solo alcune delle omissioni del sindaco nel suo racconto autocelebrativo dei 12 mesi di governo di Chieti, creato sulle orme dei famosi cinegiornali dell’Istituto Luce". A parlare è il capogruppo in Consiglio comunale del Pd, Chiara Zappalorto, dopo la serata con la proiezione del cortometraggio del sindaco Di Primio in piazza Malta, venerdì scorso. 

"È curioso vedere che le opere incompiute sono rimaste tali, che la desertificazione del colle si sia acuita e che tutto questo meriti 15 minuti di foto trionfalistiche - aggiunge Zappalorto che ricorda inoltre che -l’unica nota lieta per la parte alta di Chieti sia arrivata grazie a una iniziativa del presidente Giovanni Legnini sugli edifici pubblici grazie alla quale la città è diventata modello nazionale nel recupero degli immobili". 

Anche sulla vicenda Thales secondo il capogruppo, la città dovrebbe ringraziare il centrosinistra: "Il merito del salvataggio di questa importante azienda del territorio va attribuito senza dubbio al vicepresidente Giovanni Lolli, abile nel raccogliere le istanze dei lavoratori e portarle con forza sui tavoli del Ministero a Roma per trovare una via di sviluppo futuro per un’azienda così prestigiosa. Suggeriamo al sindaco Di Primio di impiegare meno tempo al fotomontaggio dei suoi sei anni di governo a Chieti - conclude Zappalorto - e di prestare maggiore attenzione alla condizioni nelle quali si trova la Città. Nel frattempo, tra un primo piano e una panoramica, saremmo lieti anche di conoscere la verità sui bilanci del Comune. Di certo questo sarà la base per una sceneggiatura di un thriller niente affatto piacevole da vedere per i cittadini".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento