Politica

Bilancio Comune di Chieti: il Tar dà ragione a Di Primio

Il ricorso presentato dalle opposizioni consiliari sulla legittimità del bilancio di previsione 2011 è stato rigettato dal Tribunale. Il sindaco: "Stiamo pagando i debiti fuori bilancio provocati dal centrosinistra"

Di Primio vince il ricorso al Tar presentato dai gruppi consiliari di opposizione.

Al Tribunale Regionale questi chiedevano l’annullamento della deliberazione del Consiglio Comunale avente ad oggetto il bilancio previsionale 2011, il consuntivo 2010 e il riequilibrio finanziario 2011.

"Alla maggioranza politica è stato contestato l’utilizzo di avanzo di gestione e l’accensione di un mutuo per finanziare i debiti fuori bilancio - spiega il sindaco - ebbene, seppure il Tar non abbia esaminato tali aspetti, voglio ricordare che nessun mutuo è stato contratto e che l’avanzo di gestione è stato utilizzato senza compromettere gli equilibri di bilancio. Piuttosto, il centrosinistra abbia un sussulto di dignità e ammettesse che stiamo pagando i debiti fuori bilancio provocati dalla loro poco accorta gestione". Di Primio cita gli oltre 5 milioni dovuti all’Aca e il debito di alcune società come esempi.

"Non è più ammissibile che la mia amministrazione oltre a pagare i debiti ereditati debba essere anche attaccata da chi quei debiti li ha provocati - conclude - noi comunque andremo avanti, continuando a riconoscere i debiti che gli altri hanno contratto, così come lavoreremo su un bilancio di previsione che, pur preservando settori fondamentali quali le politiche sociali e i lavori pubblici, sarà improntato al contenimento della spesa e ad un riequilibrio tra tariffe e costo dei servizi".


Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio Comune di Chieti: il Tar dà ragione a Di Primio

ChietiToday è in caricamento