Demolizione Palazzo Sirena, Melilla: "Sperperati 359 mila euro"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

"Apprendiamo che per demolire un edificio pubblico come Palazzo Sirena, del valore di vari milioni di euro, sono stati spesi 332 mila euro per la ditta esecutrice e 27 mila per l'ingegnere progettista. Nessun intervento è stato assunto tempestivamente da parte degli organi dello Stato che dovevano evitare questa scelta irrazionale e dannosa per la cultura e la storia dell'Abruzzo e di Francavilla, e per il patrimonio pubblico e l'erario italiano. Non vorremmo che ora qualcuno intervenisse a "babbo morto" per autotutelarsi. Purtroppo vi sono stati anche casi di tale ipocrisia. In Italia non ci sono i soldi per demolire le centinaia di migliaia di costruzioni abusive, per le quali esistono già gli ordini di demolizione, e si trovano invece 359 mila euro per demolire un edificio pubblico, cioè di noi tutti, che è regolare e stabile e vale milioni di euro che vanno aggiunti al danno erariale. Non ci si può arrendere a tale miopia amministrativa e politico-culturale. In Parlamento il Ministro competente dovrà rispondere di questo fatto. La  storia non è certo finita".   Gianni Melilla, Deputato abruzzese Art.1 Mdp

Torna su
ChietiToday è in caricamento