Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

Pd, enti strumentali: è ora di semplificare ed aggregare

Cammillo D'Amico del Pd: "E' ora di decidere sul futuro degli enti strumentali della provincia di Chieti"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

La provincia di Chieti possiede un ente completamente pubblico insieme al comune capoluogo che partecipa al capitale azionario, l’O.P.S., ed uno partecipato con alcuni privati e taluni comuni che è l’ALESA. L’estate scorsa fu dato un annuncio importante dai presidenti delle province di Chieti e Pescara, Di Giuseppantonio e Testa, di voler dar corso ad un accorpamento degli enti strumentali propedeutici ad una successiva fusione dei due enti nell’ottica non più rinviabile della riscrittura e riformulazione dei livelli istituzionali locali. Ci dichiarammo d’accordo e disponibili ad una procedura solerte e coerente con le solenni ed impegnative affermazioni. Si poteva dare un taglio netto ai cosiddetti costi della politica, in virtù della naturale riduzione dei posti di direzione e gestione ne sarebbe conseguito oltre alla possibilità di conferire al possibile costituendo ente  nuovi compiti funzionali come: la viabilità e la manutenzione degli istituti scolastici superiori  aprendo l’accesso al capitale azionario ai comuni;  alla prova dei fatti la solita bufala alla quale siamo ormai abituati che fa il paio con dichiarazioni solenni, ma prive di contenuto, fatte solo per riempire pagine di giornali.

Vogliamo  andare oltre e rilanciamo la sfida ad una maggioranza ed un presidente che  non può solo fare inutili annunci e belle prediche ma deve misurarsi sul terreno della concretezza. Nella precedente legislatura era in itinere un importante progetto di valorizzazione del ruolo dell’O.P.S. che prevedeva l’ampliamento delle attività oltre quelle già svolte e che, a regime, poteva significare anche la stabilizzazione di alcune decine di lavoratori tutti da assumere con chiare procedure concorsuali

L’O.P.S. poi è stato affidato a chi bene conosceva  questo progetto, in quanto attivamente impegnato nella precedente giunta di centro – sinistra, nulla di quanto previsto è stato portato avanti; oggi intanto si potrebbero fondere O.P.S. ed ALESA per poi procedere con la possibile aggiunta di PescarAmbiente; tutto ciò con nuovi compiti e funzioni produrrebbe una nuova concreta percezione della necessità di un ente intermedio nel territorio e si realizzerebbe una reale sforbiciata ai costi della politica con grande giovamento  presso la pubblica opinione.

La provincia di Chieti potrebbe procedere inoltre ad una parallela fusione dei 3 patti territoriali presenti nel nostro territorio: Chietino – Ortonese, Sangro – Aventino e Trigno – Sinello puntando alla creazione di un Agenzia Provinciale di Sviluppo dove concentrare le poche risorse finanziarie disponibili senza abbandonare la necessità di concertare con enti e parti sociali le priorità negli interventi.

Anche in questo per abbattere i costi della politica, dare maggiore percezione di un istituzione “mediana” tra comune e regione ed avere una visione generale ed equilibrato dello sviluppo del territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd, enti strumentali: è ora di semplificare ed aggregare

ChietiToday è in caricamento