rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

D'Amico (Pd): "Regolamentare l'alto numero di cinghiali"

Il capogruppo di opposizione in Provincia chiede il ritiro delle deleghe a caccia e pesca al consigliere delegato Staniscia, chiedendo una soluzione per l'alto numero di animali che causano incidenti e danni all'agricoltura

“Il centrodestra è ostaggio della casta di quella parte di cacciatori che traggono profitti e guadagni dall’indiscriminata ed incontrollata caccia ai cinghiali”. È la dura accusa di Camillo D’Amico, capogruppo Pd in consiglio provinciale, che chiede il ritiro delle deleghe alla caccia e alla pesca al consigliere Giovanni Staniscia.  

“Non è possibile tollerare – dice – che dopo quattro anni nulla sia stato fatto per ridurre il numero degli ungulati ed i danni che questi producono con cadenza quotidiana a produzioni agricole, cose e persone”.

Oltre alla caccia di frodo, D’Amico mette luce sul problema del mercato illegale della carne, che così non sarebbe sottoposta ad adeguati controlli sanitari. “Una semplice passione – dice ai cacciatori – non può diventare un mestiere ben remunerato, non tassato fiscalmente”.

L’opposizione aveva proposto una seria regolamentazione alla caccia al cinghiale, insieme al controllo del territorio per l’intero anno solare “con la possibilità di una seria, approfondita e partecipata verifica al primo anno di applicazione. Il centrodestra a guida Udc  lo ha bloccato”, dice D’Amico.

La questione dei cinghiali è diventata emergenza dopo una serie di incidenti stradali causati dal passaggio degli animali, oltre ai danni alle colture e al consumo della carne senza l’applicazione delle norme sanitarie

Non siamo sfavorevoli ai cacciatori – chiarisce D’Amico - ma contro chi strumentalizza il loro mondo per fini squisitamente personali ed elettorali. Al presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, chiediamo di rimuovere la delega alla caccia e pesca al consigliere delegato Giovanni Staniscia che è risultato un freno alle politiche attive dell’ente e non certo un valore aggiunto”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

D'Amico (Pd): "Regolamentare l'alto numero di cinghiali"

ChietiToday è in caricamento