Più trasparenza e contributi a turismo, mobilità e sport: nel Cura Abruzzo accolte le proposte dei 5 stelle

I consiglieri pentastellati hanno fornito il proprio contributo per migliorare la legge 118, ma esprimono dubbi sulla copertura finanziaria

"Era partita decisamente con il piede sbagliato ma, grazie al lavoro del Movimento 5 stelle, la legge 118/2020 della Regione Abruzzo è stata sostanzialmente migliorata nella sua forma e nei contenuti".

È il commento dei consiglieri regionali Sara Marcozzi, Pietro Smargiassi, Francesco Taglieri, Giorgio Fedele, Barbara Stella e Marco Cipolletti alla legge cosiddetta "Cura Abruzzo" approvata venerdì dal consiglio regionale. Tuttavia, per i pentastellati la norma è "ancora ben lontana dal rappresentare la “cura” per l’economia abruzzese, come invece piace sostenere al centrodestra".

In particolare, sollevano dubbi sulle coperture economiche delle misure adottate che pure, se confermate, miglioreranno la vita degli abruzzesi. 

"Come l’aumento degli incentivi alla mobilità sostenibile - spiegano - attraverso la realizzazione di piste ciclabili e sull’estensione per l’acquisto di mezzi ecologici anche nei comuni con meno di 50mila abitanti; un aiuto alle attrazioni turistiche e il tanto atteso sostegno agli studenti fuorisede per cui abbiamo aumentato l’indennizzo per l’affitto delle case non utilizzate a causa dell’emergenza. Abbiamo agito anche sul metodo di erogazione dei fondi pretendendo più trasparenza, perché è bene ricordare che stiamo parlando di soldi pubblici di tutti gli abruzzesi".

"Abbiamo lavorato - aggiungono i consiglieri del Movimento 5 stelle - senza lasciare spazio alla propaganda e alle polemiche sterili e con grande senso di responsabilità verso i cittadini. La stessa responsabilità che, invece, non abbiamo visto da parte degli esponenti di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, che ancora oggi hanno proseguito con attacchi pretestuosi verso il Governo nazionale. Inizino a mettere da parte la propaganda e pensino unicamente al bene degli abruzzesi".

Tra le proposte dei 5 stelle approvate ci sono l'aumento del sostegno per gli studenti fuorisede che devono affrontare spese di locazione, incentivi alla mobilità sostenibile anche per i residenti nei comuni sotto i 50 mila abitanti, lo sviluppo del turismo ciclopedonale tramite gli incentivi ai percorsi, gli aiuti alle "zone rosse" escluse dei contributi statali, il ristoro alle associazioni sportive dilettantistiche, il sostegno per la manutenzione delle aree del patrimonio culturale, il sostegno ai Comuni per le spese affrontate durante l'emergenza. 

Inoltre, i 5 stelle hanno chiesto maggiore trasparenza nell'uso dei fondi, chiarendo "i requisiti necessari per la formazione della graduatoria degli idonei all’erogazione dei contributi, la ripartizione delle risorse e le modalità di rendicontazione e controllo". La giunta regionale, tramite i dipartimenti competenti, dovrà predisporre una relazione sull'attuazione delle misure straordinarie e di sostegno. La relazione dovrà essere presentata alla commissione consiliare permanente, competente per materia e pubblicata sul portale istituzionale della Regione Abruzzo, con aggiornamenti con cadenza mensile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul Cura Abruzzo, è positivo il commento dei consiglieri di Fratelli d'Italia Guerino Testa e Mario Quaglieri: "Disposizioni urgenti per l’Abruzzo, per la sua economia, con il chiaro obiettivo di non lasciare indietro nulla e nessuno. Si tratta di uno sforzo notevole per le casse regionali, che raggiunge quasi i 60 milioni di euro, ma un atto dovuto  senza il quale  la nostra regione rischierebbe di non farcela. La parte preponderante della legge118 riguarda il contributo a fondo perduto destinato al turismo e al commercio, comparti economici che hanno maggiormente vissuto una condizione di stallo patendo  una crisi senza precedenti. Una delle leggi più importanti approvate dalla Regione  che, unitamente al Cura Abruzzo 1 ed ai sussidi nazionali, auspichiamo che possa  cominciare a far intravedere  uno spiraglio di luce in fondo al tunnel al sistema economico finanziario abruzzese”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Trovato in un fossato senza vita il corpo di Ettore Di Lallo

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento