menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scomparsa ex sindaco Cucullo, il ricordo della politica

Geremia Mancini: "E' stato sicuramente uno dei grandi politici abruzzesi, capace di restituire credibilità alla sua città in un momento di drammatica caduta morale". Di Stefano: "Uomo di straordinaria onestà"

"Apprendiamo con dolore della scomparsa di don Nicola Cucullo. Non possiamo non ricordare non solo il grande personaggio ma anche l'uomo di straordinaria onestà che egli è stato" sono le parole dell'onorevole Fabrizio Di Stefano per la scomparsa di don Nicola Cucullo. "Egli - prosegue - ha rappresentato dal punto di vista politico una pietra miliare della destra abruzzese ed italiana. La sua vittoria a sindaco di Chieti nel 1993 sotto le insegne del movimento sociale italiano destra nazionale ha rappresentato un punto di svolta per la politica abruzzese e nazionale. Sindaco di indiscussa moralità  e di grande passione politica non ha mai temuto di manifestare le sue idee anche quando queste potevano non rientrare in quello che viene definito il "politicamente corretto". Ha rappresentato  con fierezza i valori della destra con una assoluta integrità morale che ne hanno fatto un esempio non solo per l'Abruzzo. Lascia al patrimonio della destra italiana una grande eredità di valori ed a Chieti, la sua città, una grande testimonianza d'amore".


"Con Nicola Cucullo l'Abruzzo perde un grande uomo. E' stato sicuramente uno dei grandi politici abruzzesi, capace di restituire credibilità alla sua città in un momento di drammatica caduta morale. Uomo di grandi passioni seppe come pochi dare continuita' alle enunciazioni trasformandole in fatti concreti". Sono le parole con cui Geremia Mancini, ex segretario generale Ugl, oggi presidente onorario associazione "Ambasciatori della fame", ricorda l'ex sindaco di Chieti Nicola Cucullo.

"La sua onesta' intellettuale e la sua intransigenza morale contro il malcostume della politica sono una eredita' da non disperdere. Personalmente ho conservato con lui un'amicizia e una frequentazione di cui vado fiero. Indimenticabile la sua gioia quando qualche anno fa trascorremmo insieme il Natale nella casa di riposo di Pennapedimonte (foto) insieme ai suoi amici anziani. Ciao Nicolino".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento