Coronavirus, Verì: "Il 60% dei positivi non è in ospedale ma dobbiamo potenziare i servizi"

L'assessore regionale alla Salute illustra gli ultimi dati dei contagi in Abruzzo e pone l'attenzione sulle iniziative on Asl, associazioni e organizzazioni di categoria

Una serie di interventi per supportare le misure di distanziamento sociale, favorendo i servizi a domicilio sia per i pazienti positivi al Covid 19 che si trovano in isolamento a casa, sia per tutti coloro che non possono uscire per le ordinanze di prevenzione sanitaria nazionali e regionali. Sono i punti su cui si sta concentrando l’attenzione dell’assessorato regionale alla salute, che sta mettendo in campo diverse iniziative in collaborazione con Asl, associazioni e organizzazioni di categoria.

“Gli ultimi dati dei contagi in Abruzzo – spiega l’assessore Nicoletta Verì – mostrano come, fortunatamente, finora il numero dei pazienti non ospedalizzati sia pari a circa il 60 per cento del totale dei positivi. Questo significa che non c’è un’ulteriore pressione sui ricoveri ospedalieri e che molti pazienti sono in condizioni non critiche, ma d’altra parte ci impone di potenziare i servizi sul territorio”.

In quest’ottica, nei piani assunzionali d’emergenza delle Asl, c’è la possibilità di implementare gli organici dei Dipartimenti di prevenzione aziendali, quelli cioè che si occupano della sorveglianza sanitaria sui positivi in isolamento domiciliare o su coloro che si trovano in quarantena perché hanno avuto contatti con pazienti positivi.

“Figure – continua l’assessore – centrali nella gestione dell’emergenza, che da settimane sono impegnate nella ricostruzione dei contatti di quanti sono risultati contagiati dal virus. Le Asl hanno già provveduto a rafforzare le strutture con il personale già in servizio che poteva essere riallocato, ma oggi possono ulteriormente prevedere nuovi ingressi”.

Proprio su questo fronte, le Asl stanno concludendo l’organizzazione delle Usca, le unità speciali di continuità assistenziale (alcune sono già operative), che, introdotte con ordinanza del presidente Marsilio, dovranno occuparsi della gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero, alleggerendo così i carichi di lavoro dei medici di medicina generale, fin dall’inizio in prima linea nell’affrontare l’epidemia.

Di pari passo, dopo i provvedimenti sulla demateralizzazione delle ricette mediche (sia ordinarie, che per la Dpc ospedale-territorio), sono stati attuati accordi a livello locale per la distribuzione dei farmaci a domicilio dei pazienti, grazie all’appoggio delle organizzazioni di categoria dei farmacisti e alla disponibilità dell’organizzazioni di volontariato.

“Questo dramma che stiamo vivendo – conclude l’assessore – ha però portato alla luce la grande voglia di fare che c’è nella nostra regione, in cui ognuno sta cercando di fare il possibile per ridurre i disagi legati alla necessità di limitare al minimo gli spostamenti e i contatti sociali. Un patrimonio di solidarietà che come assessore mi riempie di orgoglio e che sono certa continueremo ad alimentare anche quando tutto tornerà alla normalità”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento