Mario De Lio (Udc) chiede al sindaco di sollecitare la Asl: "Adottare interventi per studenti e insegnanti"

Il consigliere centrista Mario De Lio presenterà un ordine del giorno sulla necessità di misure di intervento e prevenzione Covid per le scuole

Il consigliere comunale dell'Udc, Mario De Lio annuncia un ordine del giorno che verrà presentato in consiglio comunale rivolto in particolare al sindaco, Diego Ferrara e all'assessore alla Sanità, Giancarlo Cascini sulla necessità di misure di intervento e prevenzione covid, riservati agli studenti e insegnanti, sollecitando anche il ripristino del drive test all’ospedale di Chieti.

"L'assessore regionale alla Sanità - dice De Lio - ha sottolineato la necessità di migliorare l’iter relativo ai tamponi, con l’introduzione di test rapidi assicurando così l'istituzione di una cabina di regia ristretta con i sindaci, garantendo il potenziamento delle strutture territoriali e riconoscendo la necessità di una corsia preferenziale per le scuole dell’utilizzo dei tamponi rapidi per la ricerca dell'antigene in aggiunta al drive in test. Conosciamo tutti il provvedimento di sospensione del servizio di drive test garantito all’ospedale di Chieti che laddove fossero riconosciute delle criticità andava certamente potenziato e migliorato, ma non totalmente eliminato con gravissime ripercussioni per i nostri cittadini.

Secondo De Lio "data la specifica conoscenza da parte del sindaco e dell’assessore della Sanità di Chieti trovo utile ricordare che negli ultimi mesi si è diffuso l’uso e l’affidabilità di test rapidi in grado di diagnosticare l’infezione in tempi molto brevi e quindi di consentire di adottare velocemente le successive misure a tutela della salute individuale e pubblica.

Il consigliere comunale centrisgta chiede al sindaco e all'assessore di "formulare formale espressa richiesta alla Asl sulla previsione nel nostro territorio di un piano di somministrazione di test antigenici rapidi nelle scuole riservato agli studenti ed insegnanti in maniera gratuita e attivarsi affinchè le Usca possano effettuare tamponi e, appena disponibili, test rapidi direttamente presso le sedi scolastiche in presenza di alunni con sintomi riconducibili a Covid-19 e tamponi molecolari a domicilio oltre a certificare la guarigione. Infine adottare gli atti e le misure di competenza necessarie al fine mettere a disposizione dei cittadini strumenti diagnostici rapidi per il virus con particolare riferimento ai test rapidi antigenici e sollecitare il dirigente delle Asl 2 all’immediato ripristino del servizio di drive-test per l’esecuzione dei tamponi presso l’ospedale di Chieti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento