rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica

Contrasto al Covid, Taglieri attacca la Asl di Chieti: "Fallimento su tutta la linea"

Il consigliere regionale pentastellato parla di "caos generale" e "gestione approssimativa"

"Un sistema congestionato che sta mettendo a dura prova l’offerta sanitaria in regione Abruzzo. Quello che accade è sotto gli occhi di tutti: mancano atti di indirizzo e programmazione, e il caos è generale". Non piace al consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Francesco Taglieri la gestione della pandemia da parte della regione.

Il pentastellato sottolinea il "fallimento organizzativo degli open day nei territori di Tollo, Ari e Giuliano e lo mettono ancora più in evidenza i tempi lunghissimi per la prenotazione della terza dose del vaccino, o semplicemente i tempi per avere il risultato di un tampone. A conti fatti a due anni dall’inizio della pandemia nella Asl 02 l’emergenza legata alla crisi sanitaria da Covid non accenna a diminuire e continua a mettere in luce tutta l’inefficienza di una gestione approssimativa e fallace”.

Taglieri poi dice che “basta guardarsi intorno per capire che il sistema non sta reggendo e che tutto il tempo in cui si sarebbe dovuto fare di esperienza virtù per organizzarlo al meglio non è servito a niente. Un fallimento su tutta la linea: oggi per chi ha la seconda dose in scadenza la prenotazione per la terza non è possibile prima di 30 o 40 giorni. Praticamente stanno costringendo le persone all’esclusione sociale visto che è impossibile anche andare a prendere un caffè senza terza dose. Ad aggravare ancora di più la situazione dei tempi lunghissimi è una congestione degli HUB vaccinali che costringe le persone a dover cambiare città e in alcuni casi addirittura provincia, per poter avere l’inoculazione del siero. E se per contrastare questo sovraffollamento si dà vita a open day che partono già fallimentari, come quello che dovrebbe effettuarsi a Tollo il 12 gennaio, in cui a pochissime ore dalla pubblicazione dell’annuncio i circa 300 posti disponibili sono risultati tutti esauriti, e per di più è stata prevista la prenotazione da eseguire su un numero di cellulare lasciando l’arbitrarietà sull’inserimento in lista in assenze di specifici criteri di priorità, allora siamo molto lontani dalla soluzione del problema. L’Open day è una buona soluzione solo se è davvero aperto a tutti, senza necessità di prenotazione e adeguato a soddisfare un numero molto ampio di persone, altrimenti è l’ennesimo motivo per generare caos e malumore nella cittadinanza, come del resto sembra essere accaduto a Tollo in questi giorni segnando l’ennesima prova della carenza organizzativa all’interno della Asl 2".

Anche le nuove linee guida del ministero della Salute su isolamento e quarantena secondo Taglieri "mettono ancora più in luce i disagi generati dai tempi biblici della Asl 2 per effettuare un tampone e per avere un risultato. Lungaggini che si traducono in cittadini costretti a isolamenti, magari inutili, perché non ricevono l’esito del tampone, o farmacie prese d’assalto per avere un test rapido. La gestione dell’emergenza Covid nella Asl 2 si conferma carente sotto ogni punto di vista e, al di là delle parole in difesa della direzione e di chi l’ha scelta, i fatti testimoniano una serie di disservizi che devono essere risolti il prima possibile nell’interesse dei cittadini. Sono passati due anni da quando il virus ha fatto capolino nelle nostre vite è inaccettabile che chi ha il compito di gestire questa emergenza navighi ancora a vista lasciando i cittadini nel caos più totale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrasto al Covid, Taglieri attacca la Asl di Chieti: "Fallimento su tutta la linea"

ChietiToday è in caricamento