menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglieri e commercianti fianco a fianco: si lavora alla Consulta comunale per il commercio e l’artigianato

La mozione presentata dai capigruppo Rispoli, De Lio e Costantini: "Occorre allacciare un rapporto costante e costruttivo tra Comune e mondo delle attività produttive"

Il Comune verso l'istituzione della Consulta comunale per il commercio e l’artigianato. La mozione, che nasce dall’esigenza di mettere in atto tutte le energie necessarie per accompagnare chi genera lavoro sul territorio, porta la firma dei capigruppo di maggioranza Stefano Rispoli (Forza Italia), Mario De Lio (Udc) e Diego Costantini (Gruppo Misto) e verrà sottoposta al voto del consiglio comunale. “A nostro avviso – spiegano i consiglieri -  la proposta di delibera dovrà essere l’occasione, attraverso il confronto e le idee tra le varie associazioni di categoria e le istituzioni locali, per impegnarsi in un percorso virtuoso che abbia l’obiettivo di favorire le azioni e le soluzioni del nostro mondo produttivo che noi non intendiamo in alcun modo lasciare solo. Il nostro auspicio è che l’intero consiglio comunale approvi la mozione”.

Nelle intenzioni dei proponenti, la Consulta sarà uno strumento di protesta, ma un organo consultivo, operativo e di proposta con l’obiettivo di allacciare un rapporto costante e costruttivo tra il Comune e il mondo delle attività produttive. “Attraverso l’approvazione del regolamento in materia che disciplini le funzioni, le finalità e la composizione della Consulta, avvieremo fin da subito il confronto/ascolto con i rappresentanti delle categorie, utile a favorire un analisi adeguata che generi soluzioni consone alle attuali problematiche ed esigenze. La Consulta – concludono - di conseguenza dovrà collaborare con l’amministrazione comunale con funzioni di studio nella elaborazione di politiche di promozione e di sviluppo delle attività economiche connesse con il settore del commercio e dell’artigianato. Presupposti che non mancano, ma debbono essere resi funzionali per l’obiettivo individuato, cioè dare impulso ad azioni e soluzioni per il commercio e l’artigianato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento