menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Mario Colantonio

L'assessore Mario Colantonio

In aula arriva il regolamento sulla ztl, ma manca il numero legale e il voto slitta a giovedì

I 5 stelle contro l'amministrazione per il dietrofront e la mancanza di programmazione. Chieti. Da capo propone di ritirare la delibera

Rinviata a giovedì la discussione sul nuovo regolamento delle Ztl nel centro storico di Chieti. Entrambe le sedute di consiglio comunale convocate per questa mattina, una alle ore 8.30, una alle 11, sono cadute per mancanza del numero legale. Nella seconda, i numeri sono mancati proprio al momento del voto, dopo una discussione rapida, ma approfondita, con le perplessità dell'oppisizione sulle nuove regole. 

L'assemblea in programma alle ore 8.30, con diverse interrogazioni importanti in programma, dal decoro urbano alla sicurezza, dalle mense scolastiche ai servizi per le famiglie, è stata rinviata a giovedì al momento dell'appello. Quella delle 11, pur con un po' di ritardo, si è tenuta regolarmente.

L'assessore al Traffico Mario Colantonio ha spiegato nel dettaglio il nuovo regolamento sulle zone a traffico limitato, spiegando che le modifiche sono arrivate sia dal confronto con commercianti, associazioni di categoria e ordini professionali, sia dalle osservazioni dell'ufficio Traffico e della polizia municipale. 

Il nuovo regolamento, che prevede fasce di libertà molto più ampie, per i consiglieri del Movimento 5 stelle è in parte positivo, perché accoglie le istanze dei commercianti, ma ha anche un lato negativo, come ha spiegato il capogruppo Ottavio Argenio: 

È uno strumento un po’ troppo flessibile, che evidenzia una mancanza di programmazione organica che segnaliamo da tempo. Di fatto, in via Toppi e via De Lollis, la ztl è stata eliminata. 

Dello stesso parere Enrico Raimondi, consigliere di Chieti. Da capo, secondo cui la proposta dei delibera 

svuota di significato l’esistenza stessa delle ztl. Penso sia più opportuno eliminarle, perché il regolamento modificato in questo senso è perfettamente inutile.

Raimondi ha proposto di ritirare la delibera e, in alternativa, ha avanzato un emendamento che prevede di far valere il nuovo regolamento dal 1° gennaio 2018. In questo modo, i cittadini sanzionati per le violazioni avrebbero potuto rivalersi sul Comune, chiedendo il rimborso delle multe, considerate le norme modificate. Ma entrambe le proposte sono state bocciate. 

Al momento di votare la delibera, in aula non c'erano abbastanza consiglieri per garantire il numero legale. Si torna così in aula giovedì, ripartendo dall'appello per il voto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento