Politica Centro Storico / Piazza San Giustino

Consiglio Comunale: bocciato l'ordine del giorno per liberare dalle auto San Giustino

L'odg era stato proposto dal consigliere Bruno Di Paolo. La maggioranza: "Il sogno di restituire alla città intera un salotto è di tutti i cittadini di Chieti, cosa diversa è il populismo demagogico. C'è un progetto di riqualificazione della piazza"

Il consiglio comunale boccia l’altro ordine del giorno presentato da Bruno Di Paolo (Giustizia Sociale) con cui si chiedeva di liberare subito dalle auto piazza San Giustino. “Sono molto rammaricato perché il sindaco Di Primio ha dato disposizione ai consiglieri di centrodestra di non votare la mia mozione malgrado fosse largamente condivisa da tutti – fa sapere il consigliere - Mi sono reso disponibile anche a modificare la richiesta dal momento che il sindaco ha ribadito che nel suo programma elettorale c’è la volontà di togliere le auto da piazza San Giustino. Ma ho chiesto di inserire una tempistica certa nell’interesse della città. Il sindaco non ha saputo rispondere e temo che l’obbrobrio di piazza San Giustino, purtroppo, resterà tale ancora per molti anni malgrado gli slogan”. 
 

VITALE: C'E' UN PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE - Sull’ordine del giorno interviene il consigliere Emiliano Vitale, presidente della II commissione dei Lavori Pubblici, che spiega: “Il sogno di restituire alla città intera un salotto è di tutti i cittadini di Chieti, cosa diversa è il populismo demagogico del consigliere Bruno Di Paolo. L’ordine del giorno – fa sapere Vitale - è stato respinto dalla maggioranza di centrodestra che non è interessata agli spot, ma a concretizzare un progetto di riqualificazione anche di piazza San Giustino tenuto conto delle attuali e future funzioni del centro storico”. 
 

Vitale a tal proposito cita i lavori di ristrutturazione del Palazzo di giustizia, che agevoleranno l’accorpamento entro il 2018 a Chieti dei tribunali di Vasto e Lanciano e gli appaltati lavori di riqualificazione di Palazzo d’Achille per riportarvi gli uffici comunali. “Tali edifici – dice ancora il consigliere di maggioranza - saranno insieme al palazzo Mezzanotte e alla cattedrale una straordinaria cornice a piazza San Giustino e la stessa amministrazione Di Primio ha in programma la riqualificazione con idoneo arredo dell’intera piazza. Parallelamente, i circa 150 posti, fra quei pochi liberi, a pagamento e quelli riservati, dovranno essere compensati necessariamente, sia dal ripristino di quelli esterni alla piazza ed attualmente occupati dai cantieri del tribunale e per la maggior parte da un nuovo parcheggio che dovrebbe nascere parallelamente a via Ciampoli o nell’attuale sede del parcheggio di via Gran Sasso. Tra l’altro - conclude -  l’ordine del giorno del consigliere di Paolo è ampiamente superato dal fatto che il parcheggio di via Ciampoli è sul piano triennale dei lavori pubblici e che l’obiettivo di liberare la piazza per renderla un agorà a tutti gli effetti, è nel programma elettorale ed amministrativo di questo governo cittadino”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio Comunale: bocciato l'ordine del giorno per liberare dalle auto San Giustino

ChietiToday è in caricamento