rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Politica San Giovanni Teatino

Consiglio comunale annullato, il sindaco Di Clemente chiarisce: "Il giorno prima è arrivato il parere negativo del revisore dei conti"

La replica del sindaco di San Giovanni Teatino e della sua maggioranza al Pd

Il sindaco di San Giovanni Teatino, Giorgio di Clemente, insieme con la sua maggioranza, fa chiarezza sull'annullamento dell'ultimo consiglio comunale e replica al Partito Democratico.

“In questi giorni - inizia la sua nota - si sono susseguiti una serie di veri e propri attacchi all’amministrazione di San Giovanni Teatino da parte del Partito Democratico. Si è arrivati addirittura ad affermare che sia stato annullato il consiglio comunale su parare del giudice di pace. Chiarisco, con piacere, che l’annullamento è stato dovuto dal fatto che il giorno prima del consiglio è arrivato il parere del Revisore dei Conti in merito all’assestamento di bilancio. Essendo espresso lo stesso in maniera non favorevole rispetto ad alcuni punti, l’amministrazione ha dovuto provvedere subito a relazionare sui chiarimenti richiesti, che saranno consegnati entro il prossimo fine settimana, rinviando quindi lo stesso consiglio entro fine mese. Lo affermo con grande tranquillità e trasparenza, ricordando al Partito Democratico, ma nel contempo a tutte le forze politiche di opposizione nonché a tutti i cittadini di San Giovanni Teatino, che la nostra amministrazione gode, come pochi comuni, di un bilancio in attivo".

Al Pd Di Clemente ricorda che "questa amministrazione sta portando avanti una battaglia per la salvaguardia del territorio e della qualità della vita dei cittadini, rispetto al raddoppio della linea ferroviaria che rischia di tagliare in due la nostra amata città, creando una vera e propria barriera e costringendo tante famiglie a dover abbandonare le proprie case che dovrebbero essere buttate a terra per permettere la realizzazione di quest’opera. Da oltre 15 anni - dice ancora il sindaco di San Giovanni Teatino - stiamo lottando contro progetti che penalizzerebbero il territorio".

E sempre sui progetti di Rete ferroviaria italiana, il primo cittadino ribadisce: "Non siamo contrari. Abbiamo proposto soluzioni alternative, studiate e progettate da illustri esperti, che sono in fase di valutazione da parte dei progettisti di ferrrovie e del commissario straordinario delegato all’opera. Si sta per aprire la fase del dibattito pubblico che ci permetterà di ribadire ancora di più la nostra posizione e darà voce al territorio. Abbiamo combattuto, combattiamo e continueremo a farlo, dando fondo a tutte le risorse disponibili e utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione, perché il benessere di tutti venga prima di ogni altra cosa. È difficile cercare di dormire, quando la mente non riesce a tacere”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale annullato, il sindaco Di Clemente chiarisce: "Il giorno prima è arrivato il parere negativo del revisore dei conti"

ChietiToday è in caricamento